Berrettini lotta, ma deve arrendersi in quattro set a Djokovic nei quarti del Roland Garros
di Massimo Sarti

Berrettini lotta, ma deve arrendersi in quattro set a Djokovic nei quarti del Roland Garros

Si ferma al Roland Garros anche la corsa di Matteo Berrettini. Troppo forte Novak Djokovic. Il numero uno al Mondo ha la meglio sul tennista romano (testa di serie numero 9) con il punteggio di 6-3, 6-2, 6-7 (5-7), 7-5. Berrettini lotta, arriva ad un niente dal giocarsi il tie-break per andare al quinto, ma alla fine sarà Djokovic ad affrontare in semifinale Rafa Nadal.

 

PRIMO SET

C'è in campo un Novak Djokovic concentratissimo, rapido negli spostamenti e aggressivo. Eppure nei primi due turni di battuta il serbo concede palle break a Matteo Berrettini, salvandole con il servizio. Alla seconda opportunità utile, invece, il numero uno al Mondo nel quarto gioco strappa la battuta al tennista romano. Che non demerita, ma dall'altra parte della rete c'è davvero un Djokovic in ottimo spolvero. Berrettini può recriminare nel settimo game, quando su una smorzata (ben intuita) di Djokovic, gioca lungo il successivo e non impossibile dritto, sprecando l'opportunità del controbreak. Non ce ne saranno più. Djokovic si impone 6-3 in 54'.

 

SECONDO SET

 Sul servizio di Djokovic Berrerttini non ha chances, mentre quando batte il romano il serbo fa valere le proprie doti di eccelso risponditore. Il beak arriva al quinto game a favore del numero uno al mondo. Djokovic non molla di un centimetro, il pubblico del Philippe Chatrier (finalmente una sessione serale con i tifosi, allentate le maglie del coprifuoco parigino) si diverte. Nel setimo game arriva il doppio break per Djokovic, con Berrettini ora in vera difficoltà. Il secondo set termina 6-2 in 36' e il match sinceramente sembra segnato.

 

TERZO SET

 Berrettini cerca di sottrarsi al proprio destino negativo. Talvolta riesce a fare male a Djokovic con le sue combinazioni migliori: servizio più dritto, oppure la palla corta. Sale anche il conto degli aces per il romano. È forse il momento migliore per l'azzurro, ma non ancora da scalfire le certezze del serbo. Non ci sono palle break sino al nono game, quando ne deve fronteggiare una percolosissima Berrettini, salvata con un tocco comodo dopo un gran servizio. Alla fine è 5-4 per l'italiano grazie ad un ace. Il parziale si risolve al tie-break, che Berrettini inizia molto bene con il servizio. Con uno sventagglio di dritto l'azzurro si guadagna il primo mini break, vanificato però da una smorzata sbagliata e da una risposta sulla riga di Djokovic. 5-4 e due servizi per andare a vincere, ma il serbo spara in rete due colpi non impossibili. 6-5 Berrettini e set point per il romano, che non fallisce capitalizzando i regali insperati di Djokovic.

 

QUARTO SET

Sul 3-2 per Djokovic il match viene interrotto per permettere al pubblico di lasciare il Philippe Chatrier (tra le proteste) affinché si possa rispettare il coprifuoco alle 23. Una situazione davvero particolare. All'uscita della quale i giocatori si trovano a giocare nel silenzio, mentre Berrettini deve anche salvare una palla break. Ora è tutto più equilibrato, sino al dodicesimo game, quando Berrettini salva un match-point grazie ad una super prima, dopo un precedente errore grossolano. Back in rete per l'azzurro e secondo match pont, salvato da una serie di dritti potentissimi di Berrettini. Terzo match point Djokovic e questa volta è quello decisivo: 7-5.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 10 Giugno 2021, 00:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA