Formula 1, le pagelle delle prove: Leclerc raggio di sole Ferrari
di Piergiorgio Bruni

Formula 1, le pagelle delle prove: Leclerc raggio di sole Ferrari

UP

LECLERC – E’ un raggio di sole nel grigiore della Rossa. Forse non sa neppure lui com’è riuscito a mettere la SF1000 in seconda fila, ma sta provando a raggiungere l’unico obiettivo stagionale rimasto: ridurre le figuracce della Ferrari. VITALE

BOTTAS – Pole position numero 14 in carriera, come Ascari e Barrichello, e nuovo record della pista. Il mastro boscaiolo della Mercedes mette l’ascia in spalla e si prepara a sporcarsi le mani. Perché domani sarà una vera battaglia. AGGUERRITO

VERSTAPPEN – Cinico ed esuberante, come ormai abitualmente accade. Se stavolta la vettura non lo tradirà, potrà giocarsi più di una chance per conquistare il suo primissimo successo al Nurburgring. VIVACE

ALBON – Ha la sua occasione e la sfrutta. Zitto e concentrato, si prende una quinta posizione che non soltanto fa morale, ma aiuta la squadra nella corsa al Mondiale Costruttori. Con calma e pazienza, se proseguirà a mantenerle, troverà la sua strada. RINNOVATO

DOWN

HAMILTON – E’ il grande sconfitto delle qualifiche, pur chiudendo in seconda posizione dietro al compagno Bottas. La strada per la vittoria numero 2 in Germania, però, sta proprio lì. Basta, domani, imboccarla in modo giusto. UMANO

HULKENBERG – Lo chiamano in fretta e fuori per sostituire un indisposto Stroll, ma non gli riesce praticamente niente. Il suo Q1 è un incubo a occhi spalancati: chiede in ultima posizione, lontanissimo praticamente da ogni altra forma di vita. SBALLOTTOLATO

FERRARI – Lentamente scorre la clessidra del tempo e il team non si scosta dall’ormai acclarata mediocrità stagionale. Miglioramenti appena percettibili e aggiornamenti propedeutici alla prossima annata, questo di tanta speme oggi resta. IMPOTENTE

RAIKKONEN – Se per Hulkenberg le attenuanti sono plurime, il vecchio Iceman invece ne ha soltanto una: la vettura. I motori Ferrari sono un polmone, comunque da un Campione del Mondo ci sia aspetta sempre una zampata. Che, però, non arriva. SPUNTATO


Ultimo aggiornamento: Sabato 10 Ottobre 2020, 16:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA