Pagelle Milan. Brahim Diaz, il furetto rossonero. Ibra, basta la presenza. Tomori una roccia
di Luca Uccello

Pagelle Milan. Brahim Diaz, il furetto rossonero. Ibra, basta la presenza. Tomori una roccia

Juventus-Milan 0-3: pagelle rossonere

DONNARUMMA 6

Perde la sfida a distanza con Szczesny ma il Milan è vicino ad aprire un ciclo vincente e Gigio è pronto a farne parte…
CALABRIA 6,5
Cristiano Ronaldo chi? Davide stravince contro Golia.
KJAER 7,5
Fa tutto, anche il regista. L’azione del Milan parte sempre dal suo piede e se c’è da chiudere, lui lo fa; non guarda in faccia nessuno. Il migliore in assoluto.
TOMORI 7
Chiude tutto e va in vacanza nell’altra area di rigore. Il suo gol di testa è un gioiello da 28 milioni di euro.
THEO HERNANDEZ 7
Imprendibile per tutti. Quando parte e inserisce la quinta è devastante anche per Cuadrado.
BENNACER 5,5
La regia del film rossonero la fanno sempre altri, non lui (37’ st Meite ng).
KESSIE 5,5
Calcia un rigore da terza categoria. Così non si fa. Soprattutto se giochi uno spareggio contro la Juventus.
SAELEMAEKERS 6,5
Niente di particolarmente spettacolare. Ma presente, utile e continuo (37’ st Dalot ng).
BRAHIM DIAZ 7
È l’uomo che non ti aspetti, è la sorpresa di Stefano Pioli che nemmeno il Var riesce a fermare. Da un suo calcio arriva anche il rigore per il Milan.
CALHANOGLU 6,5
La Juventus cerca anche lui. E Hakan si mette lo smoking per la serata di gala. Il prossimo anno il Milan giocherà probabilmente la Champions. E la Vecchia Signora?
IBRAHIMOVIC 6,5
Basta la presenza per far capire che questo Milan è da Champions League. Esce per un nuovo infortunio al ginocchio sinistro (20’ st Rebic 7: quando uno fa un gol così è un fenomeno).
PIOLI 7
Non sbaglia una mossa. Ma con questa Juventus è tutto davvero troppo facile…
 


Ultimo aggiornamento: Domenica 9 Maggio 2021, 23:24

© RIPRODUZIONE RISERVATA