La provocazione di Angelo Duro, entra in chiesa e improvvisa uno show: «Teatri chiusi ma qui niente restrizioni»

La provocazione di Angelo Duro, entra in chiesa e improvvisa uno show: «Teatri chiusi ma qui niente restrizioni»

«Mi hanno detto che in Chiesa l’accesso è libero e quindi ho pensato al mio show, visto che me lo hanno spostato. Tra l’altro è un posto raccolto e fresco». Angelo Duro protesta e lo fa in una Chiesa in zona Prati a Roma. Singolare iniziativa per destare attenzione, visto che gli è stato rinviato per l’ennesima volta il tour teatrale, causa restrizioni legate alla capienza ridotta.

 

Così si è presentato sull’altare della Chiesa, iniziando il suo show dinanzi ai suoi fan, invitati tramite social. Il parroco ha immediatamente interrotto l’esibizione dell’artista, nonostante l’invito del comico “a dividersi la platea”.

Il gesto di Angelo Duro è puramente provocatorio: il comico, sostanzialmente, intendeva aggirare la normativa, svolgendo il suo show nei luoghi, tipo la Chiesa, dove non sono previste limitazioni quali green pass, capienza ridotta, tamponi.

 

Le parole a caldo di Angelo Duro sono in realtà tutte volte a sensibilizzare le istituzioni affinchè rispondano in merito alla domanda per cui, «una volta vaccinati, non si aprano i teatri con capienza al 100%». 


Ultimo aggiornamento: Sabato 4 Settembre 2021, 10:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA