Pupo nella “lista dei criminali” in Ucraina, lo sfogo: «Non mi fermerò»

Pupo nella “lista dei criminali” in Ucraina, lo sfogo: «Non mi fermerò»

Il cantante di Gelato al Cioccolato si è lasciato andare a uno sfogo e ha svelato di essere considerato una minaccia in Ucraina

Nella famosa blacklist dell'Ucraina figura anche Enzo Ghinazzi, in arte Pupo. Il cantante di Gelato al Cioccolato si è lasciato andare a uno sfogo e ha svelato di essere considerato come un criminale nel Paese. La blacklist contiene tutti i nomi di coloro che sono ritenuti indesiderati e che se dovessero oltrepassare i confini sarebbero arrestati.

 

Leggi anche > Elena Santarelli, su Instagram le foto dei rifiuti a Roma: «Topi e gabbiani si fanno i selfie con voi»

 

Pupo nella lista dei criminali in Ucraina

L'artista ha spiegato di essere stato avvisato dal ministero degli Esteri italiano e che la decisione del governo ucraino sarebbe stata presa perché lo scorso anno ha partecipato al Festival russo della canzone di a Jalta, in Crimea. «Peccato! Io comunque non mi fermerò. Continuerò a portare la mia musica in giro per il mondo. Dalla Russia all’Australia ed ovunque mi sarà data la libertà di cantare le mie innocue canzoni».

 

Pupo, la blacklist in Ucraina

Ghinazzi non è l’unico artista italiano a essere finito nella famosa lista nera. Al Bano ci è finito nel 2019 perché considerato una minaccia alla sicurezza nazionale del Paese. Lo stesso destino è toccato a Toto Cutugno. Tutti hanno in comune esibizioni in Russia, la principale nazione nemica dell'Ucraina in questi momenti. 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Gennaio 2022, 13:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA