Narice sempre otturata, poi la scoperta choc: «È un cancro aggressivo». Asportato il naso
di Emiliana Costa

Narice sempre otturata, poi la scoperta choc: «È un cancro aggressivo». Asportato il naso

Aveva sempre la narice otturata, poi la scoperta choc: «È un cancro aggressivo». Le tolgono il naso. Julia, 40enne mamma di tre figli, sta affrontando con coraggio un vero e proprio calvario. La donna, dopo una visita, ha scoperto di avere una forma molto aggressiva di cancro della pelle chiamato carcinoma a cellule squamose.

Leggi anche > Inchiesta Fontana, nella sede della società Dama trovati e sequestrati i 25mila camici non consegnati

La vicenda si svolge a Weymouth, nel Dorset, in Inghilterra. Come riporta Metro.co.uk, Julia Davey ha due figli Tom (16) e Joel (12) avuti da una precedente relazione e la piccola Eleanor (5), nata dall'amore con il compagno Nick Stoodley. I medici hanno cercato di salvarle il naso con la chemioterapia, ma non c'è stato nulla da fare. È stato rimosso con un'operazione. «C'è un buco dove si trovava il mio naso - spiega Julia -. Non c'è altro modo per descriverlo. Solo poche persone l'hanno visto, incluso Nick, ma non l'ho mostrato ai bambini. Non voglio che abbiano degli incubi. Ho detto loro che la mamma aveva il naso rimosso per renderla migliore e questo è abbastanza per loro. Mi stanno facendo un naso protesico sulla base delle fotografie che ho fornito a un consulente specializzato, ma non è ancora del tutto pronto».



Julia si è poi sottoposta a trenta sedute di radioterapia, ma non è bastato. Il cancro è tornato. Una risonanza magnetica alla fine di aprile per monitorare come aveva risposto alla cura ha rivelato che un altro tumore era cresciuto nella mascella sinistra. Il mese scorso è stata operata di nuovo. «Ora sto iniziando l'immunoterapia, una forma di trattamento che incoraggia il sistema immunitario ad attaccare le cellule tumorali». Ora Julia dovrà attendere la risposta dell'immunoterapia, nel frattempo con coraggio vuole realizzare il suo sogno e sposare il suo compagno. «Abbiamo lanciato una raccolta fondi su Gofundme, vorrei realizzare il mio sogno».
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 29 Luglio 2020, 15:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA