Menopausa ritardata di venti anni: la svolta medica che può cambiare la vita delle donne
di Simone Pierini

Menopausa ritardata di venti anni: la svolta medica che può cambiare la vita delle donne

Ritardare la menopausa fino a venti anni, una svolta medica che potrebbe cambiare la vita di migliaia di donne. La procedura rivoluzionaria, che dura trenta minuti, è progettata per «ingannare l'orologi biologico delle donne, facendolo credere che sia molto più giovane di loro». Lo ha riferito il Sunday Times che ha citato una ricerca unica nel suo genere. L'intervento prevede la rimozione di un pezzo da un'ovaia e il congelamento del tessuto a meno 150 gradi. Il tessuto ovarico viene quindi trattenuto in una banca di ghiaccio fino a quando le donne non raggiungono la menopausa, prima di essere scongelate e trapiantate nuovamente al loro interno, dove «rilasceranno i loro ormoni naturali, ritardando la menopausa». Per tutte le donne la cui menopausa porta a gravi problemi di salute, come osteoporosi e problemi cardiaci, un ritardo potrebbe rappresentare una splendida notizia. 

Cancro al cervello grande quanto una palla da tennis. I medici: «È la menopausa»

«Dopo la menopausa sono diventata sesso dipendente», 50enne svela uno dei tabù del mondo femminile



Ritardare la menopausa piacerà anche a tantissime donne che sperano di ridurre i sintomi fisici ed emotivi come vampate di calore, sudorazione notturna, problemi di memoria, sbalzi d'umore e ansia. Nove donne britanniche di età compresa tra 22 e 36 anni hanno già subito l'intervento chirurgico. Uno dei pazienti, una madre sposata di 34 anni, ha dichiarato di non aver «mai provato alcun dolore» e considera la procedura «miracolosa per quanto sia così semplice». Un'altra donna, anch'essa sottoposta alla procedura, ha subito il trapianto di tessuto ovarico al suo interno per prevenire la menopausa prematura: «Essere in grado di ritardare la menopausa mi ha cambiato la vita», ha detto.

A 4 anni ha già il ciclo, a 5 è in menopausa: l'incredibile caso della piccola Emily

L'intervento chirurgico viene svolto presso una società con sede a Birmingham chiamata ProFaM ed è cofinanziato da quattro esperti di medicina riproduttiva di fama mondiale. Il professor Simon Fishel, amministratore delegato e co-fondatore dell'azienda, è anche il pioniere della fecondazione in vitro il cui lavoro pionieristico ha portato alla nascita di Natalie Brown, sorella del primo bambino in provetta, Louise Brown. «Le donne vivono più a lungo che in qualsiasi momento della storia umana - ha dichiarato - è abbastanza probabile che molte donne rimarranno in menopausa più a lungo del loro periodo fertile. Stiamo dando loro il potere di assumere il controllo della propria salute ritardando naturalmente la loro menopausa».

La procedura ha un costro tra le tremila e le settemila sterline. Il professor Fishel ha aggiunto: «Siamo ad un punto affascinante nell'evoluzione della nostra specie, ma in particolare in relazione alle cure mediche dove stanno accadendo cose straordinarie. Ora possiamo iniziare a offrire qualcosa a una generazione più giovane di donne che non è mai stata disponibile prima»
Domenica 4 Agosto 2019, 18:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA