Pile a bottone ingerite dai bambini, i pediatri:«Rimuoverle subito dallo stomaco»

Pile a bottone ingerite dai bambini, i pediatri:«Rimuoverle subito dallo stomaco»

Le pile a bottone, quando ingerite accidentalmente dai bambini, possono danneggiare rapidamente lo stomaco. In alcuni casi possono perforare la parete gastrica. Per questo, anche quando il piccolo non presenta sintomi e la batteria è passata in modo sicuro attraverso la parte stretta dell'esofago, il medico dovrebbe agire rapidamente considerando la rimozione. È questo il suggerimento che arriva da uno studio presentato alla Digestive Disease Week 2019. La ricerca è guidata da Racha Khalaf, del Digestive Health Institute al Children's Hospital Colorado, mette in discussione la corrente pratica di attesa vigile prevista da alcune raccomandazioni Usa. I ricercatori hanno raccolto dati relativi a 68 ingestioni di pile a bottone da gennaio 2014 a maggio 2018.

 
«Queste batterie - evidenzia Khalaf - sono dappertutto, si trovano in giocattoli, telecomandi, portachiavi, orologi, biglietti di auguri musicali». Lesioni erosive al rivestimento della mucosa dello stomaco sono state riscontrate nel 60% dei casi esaminati, senza una relazione apparente tra danni e sintomi, o legami con il tempo trascorso dall'ingestione. Ciò suggerisce che medici e genitori non dovrebbero aspettare i sintomi o il passare del tempo per agire, sottolinea Khalaf, aggiungendo che rimuovere la batteria in anticipo evita ripetuti viaggi al pronto soccorso e riduce le radiografie. Le raccomandazioni dello studio rappresentano un approccio più 'aggressivo' al problema di quelle di due organizzazioni nazionali Usa.

La Società nordamericana per la gastroenterologia pediatrica, l'epatologia e la nutrizione infatti raccomanda l'osservazione quando sono trascorse meno di due ore dall'ingestione, la batteria è di 20 mm o meno e il bambino ha almeno 5 anni. Sulla stessa linea anche il National Poison Center che in assenza di sintomi suggerisce si attendere prima di agire per consentire alle pile ingerite di passare attraverso il sistema digestivo.

Lunedì 20 Maggio 2019, 15:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA