Variante Delta, Crisanti: «Si diffonde con frequenza allarmante tra chi si è vaccinato con una dose»

Variante Delta, Crisanti: «Si diffonde con frequenza allarmante tra chi si è vaccinato con una dose»

Cambiare il Green pass, critiche alla Gran Bretagna che vuole aprire nonostante la variante Delta e i dubbi sull'istituzione delle zone rosse per contenere la nuova mutazione del CovidAndrea Crisanti, ordinario di microbiologia dell'Università di Padova a Buongiorno, su Sky TG24, interviene a tutto campo. «Ci dobbiamo abituare ad adattare regole e comportamenti all'evoluzione del virus – ha detto Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia dell'Università di Padova a Buongiorno, su Sky TG24 –. Questa variante Delta è stata una sorpresa per tutti, non solo è altamente trasmissibile ma infetta con frequenza allarmante anche le persone che hanno fatto una sola dose di vaccino. Questa novità ci deve far riflettere sul Green Pass».

Variante Delta, boom di casi: allarme in Francia, 652 morti in Russia. In Brasile contagi come a marzo

Cristanti e la resposabilità delle nuove misure

«Non possiamo attribuire agli italiani nessuna colpa, se il messaggio è quello che non c'è più pericolo, che diventa tutta zona bianca, non ci possiamo lamentare se prendono treni o autobus affollati o vanno in vacanza – prosegue Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia dell'Università di Padova a Buongiorno, su Sky TG24 –. La battaglia a questo punto è assolutamente politica, sulle regole che i politici prendono, bisogna chiedere a loro cosa succederà. Se consentono al virus di diffondersi e emergono varianti resistenti al vaccino qualcuno la responsabilità se la dovrà pur prendere».

Green Pass, come viaggiare in Spagna, Grecia, Francia, Gb e Croazia? Regole diverse, la guida

La critica alla Gran Bretagna

Le autorità inglesi «in qualche modo hanno detto un mese e mezzo fa che i cambiamenti erano irreversibili e in qualche modo vogliono mantenere la parola», dice Cristanti a SkyTg24. «Ma permettono la trasmissione di una variante che è potenzialmente in grado di superare le difese indotte dalla prima vaccinazione, con il pericolo che si selezionino varianti resistenti al vaccino. Non è a mio avviso una situazione corretta». E ha continuato: «Sulla finale di Euro 2020, specialmente se a Londra i casi continuano ad aumentare, penso che bisognerebbe riflettere, soprattutto sulla capienza, se non altro sui criteri di ammissione allo stadio. Abbiamo già evidenze che la variante Delta ha una capacità di trasmissione esplosiva. Penso che se non ci vogliamo fare male dobbiamo rivedere con realismo questa situazione».

 

Troppo tardi per le zone rosse

Utilizzare delle zone rosse per contenere la variante Delta «è troppo poco e troppo tardi, si doveva impostare una cosa del genere un mese fa, quando c'erano i primi casi. Con il 20-25% di casi di variante Delta sparsi per l'Italia non riesco a immaginare come si possa fare». Lo ha detto Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all'Università di Padova, intervenendo a Buongiorno, su Sky TG24. «La creazione di zone rosse -ha proseguito - è troppo tardiva, con la nostra capacità di sequenziamento e intercettazione delle varianti la vedo difficile». Sull'eventualità di una terza ondata come nel Regno Unito, Crisanti ha poi spiegato: «C'è una differenza importante tra Italia e Inghilterra, in queste ultime quattro settimane lì c'è stata una media di 14-16 gradi, in Italia ha fatto molto più caldo. Questo si sa che ha un impatto. Se in Italia la variante Delta si diffonderà, lo farà a un ritmo inferiore dell'Inghilterra e spero che questo ci dia il tempo per implementare misure di controllo».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Giugno 2021, 09:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA