Vegas mette nei guai la Boschi: "Mi parlò di Etruria". E lei in tv: "Mai pressioni. Mi voleva a casa sua, ho gli sms"

  • 6
    share
di Alessandra Severini
La bufera investe la sottosegretaria Maria Elena Boschi dopo le parole del presidente della Consob Giuseppe Vegas, ascoltato in audizione dalla commissione sui crac bancari. Vegas ha affermato di aver parlato con l'allora ministro Boschi di Banca Etruria in due o tre incontri fra aprile e maggio 2014. In particolare, in un incontro a Milano, Boschi avrebbe espresso la sua “preoccupazione perché a suo avviso c'era la possibilità che Etruria venisse incorporata dalla Popolare di Vicenza e questo era di nocumento per la principale industria di Arezzo che è l'oro”. Il presidente della Consob ha assicurato comunque che dal ministro “non arrivò alcuna pressione né richieste di intervento, ma solo un'esposizione dei fatti”.



In pochi minuti le parole di Vegas rimbalzano fuori dalle mura di Palazzo San Macuto e scatenano le accuse contro la sottosegretaria. “Boschi ha mentito al Parlamento, al Paese e ai risparmiatori, deve dimettersi” tuonano in coro i 5 stelle. Il candidato premier pentastellato, Luigi Di Maio va ancora più in là: “Boschi è il Mario Chiesa della seconda Repubblica che con lo scandalo della banca del padre farà iniziare il declino definitivo dei partiti della seconda Repubblica”. Ma di opinione analoga sono anche gli esponenti di Liberi e Uguali. "Quando un membro del governo mente al Parlamento non c'è altra strada che le dimissioni" dice Roberto Speranza.
Boschi si difende con un post su facebook per poi correre ospite negli studi di La7 per un confronto a viso aperto con Marco Travaglio. “Non mi dimetto perchè non ho mai mentito al Parlamento – dice - Non c'è stato nessun favoritismo nei confronti di mio padre”. Poi passa al contrattacco “Vegas mi mandò degli sms e voleva che lo incontrassi a casa sua alle otto di mattina. Ma io gli dissi che potevamo incontrarci solo al ministero o alla Consob”. Fanno quadrato intorno alla sottosegretaria anche i renziani di ferro, sebbene nel Pd si allarghi il numero di chi nutre dubbi sul comportamento della fedelissima di Renzi.
 
 

Lite con Travaglio. Tra accuse di misoginia e conflitto di interessi, promesse di querele e vecchie ruggini va in scena lo scontro fra Maria Elena Boschi e Marco Travaglio nello studio di Lilli Gruber su La7. La sottosegretaria Boschi è convinta che nelle accuse del direttore del Fatto ci sia anche qualcosa di personale: “Lui mi odia e mi attacca da sempre. Sono convinta che se fossi stata un uomo non mi avrebbe dedicato tanta attenzione”.
Giovedì 14 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15-12-2017 15:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-12-15 12:14:11
Stai a vedere che oggi esce un'altra Molestia....Importante....
2017-12-15 08:34:04
il ministro Boschi sostiene di essere una vittima perché un maschio l'ha invitata a casa, privatamente: se Vegas fosse stato una donna, avrebbe tenuto lo stesso gli sms?
2017-12-15 08:07:30
e ti pareva che , in extremis, non usciva un sms, che tradotto significa eventuale molestia sessuale ? non lo dico io, lo dice la boschi, che indica un sms per incontro alle 8 del mattino in casa di Vegas. se la Boschi non ha altro, spieghi la affermazioni fatte in parlamento e quanto detto da Vegas. senza usare termini inappropriati, cio che ha detto in parlamento è differente da quello che si sente oggi
DALLA HOME