Verona, donna uccisa a coltellate in casa: fermato il figlio 52enne

Verona, donna uccisa a coltellate in casa: fermato il figlio 52enne

Ai carabinieri aveva raccontato di essere rientrato a casa e di aver trovato la madre uccisa, in cucina. Ma dopo lunghe ore di interrogatorio l'alibi non ha retto, e Paolo Bissoli, un 52enne disoccupato, è stato fermato e portato in carcere, con l'accusa di omicidio volontario aggravato. Una scena terribile quella presentatasi agli investigatori nella modesta casa di Bovolone, in provincia di Verona. Maria Spadini, 70 anni, era riversa sul pavimento, tra la cucina e il salotto. A terra larghe pozze di sangue. Sulla schiena la donna aveva ancora piantati due coltelli da cucina. Tracce di altri numerosi fendenti c'erano su altre parti del corpo della vittima.
A riferire di aver trovato la 70enne già cadavere è stato proprio Bissoli, che da qualche mese era tornato a vivere dalla madre, dopo essersi separato dalla moglie. Tra i problemi dell'uomo pare vi fosse anche quello dell'alcol. Ma la sua testimonianza, confrontata con le informazioni raccolte dai carabinieri, avrebbe mostrato molte incongruenze.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Luglio 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA