Sabbie mobili, la trappola di risate

Ferro Cosentini
Vivere per inerzia. Qualcuno ci riesce, altri no, altri ancora ci provano ma poi ci si mette il destino a sparigliare le carte.
Sabbie mobili, commedia scritta e diretta da Alessandro Benvenuti, racconta proprio questo al Teatro Martinitt da domani con un cast di specialisti dell'ironia come Nino Formicola alias Gaspare, Max Pisu e Roberto Ciufoli. Un trio che porta in scena la storia di una coppia di comici (Ciufoli e Formicola) in crisi creativa e umana, stanchi di lavorare assieme eppure vincolati da un contratto che non fa sconti. Da una situazione così normale, la storia conduce nel regno del surreale: tornando dalla Svizzera in aereo, i due comici di successo precipitano in un luogo misterioso senza tempo dove una strana creatura, spuntata da un cactus, li porterà a riflettere. Forse, di fronte al rischio di perdere ogni cosa e di rimanere dispersi per il resto dei loro giorni, i due saranno tentati di rivedere la propria vita con gli occhi della nostalgia. Dialoghi serrati, giochi di luce, effetti sonori: nella commedia scritta da Alessandro Benvenuti ci sono tutti gli elementi di una fiaba moderna.
riproduzione riservata ®

Mercoledì 10 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME