Ferma l'auto dei Sinti in fuga. Carabiniere pestato: «Lo rifarei»

Ferma l'auto dei Sinti in fuga. Carabiniere pestato: «Lo rifarei»

SANTA LUCIA DI PIAVE - (ef) Sabato, nel primo pomeriggio, Marco Pitarra, 27 anni, carabiniere scelto di Conegliano in provincia di Treviso, tornando a casa dopo il lavoro, si è imbattuto in un'auto che non era fermata all'alt della polizia locale. Senza pensarci, spinto dal senso del dovere, Pitarra si è messo di traverso all'altezza di una rotonda. Ha bloccato l'auto in fuga e costretto gli occupanti a scendere. Lui era disarmato. Nell'auto erano in tre, tutti Sinti, uno appena maggiorenne.

Pitarra fa appena in tempo a qualificarsi che i tre gli si avventano contro con calci e pugni in faccia e al busto. Sembra mettersi male ma nel giro di pochi secondi, con i vigili, arriva una pattuglia dell'Arma: i tre Sinti vengono ammanettati dai colleghi. «Il mestiere non lo fai solo quando indossi la divisa - ha raccontato Pitarra -. Uno è carabiniere 24 ore su 24, sennò è meglio che faccia un altro mestiere. Questa volta ho avuto la peggio perché sono stato il primo che li ha affrontati. Ma era necessario farlo, e sono contento di avere avuto questa prontezza».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Novembre 2016, 11:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA