Gran Bretagna, giovani vogliono abolire la monarchia: decisiva l'ultima serie di scandali. Windsor-exit?

Video
di

I giovani in Gran Bretagna non sono più affascinati dalla monarchia Windsor e preferirebbero assistere al tramonto dell'istituzione. A rivelarlo è un recente sondaggio YouGov, pubblicato da The Indipendend, che mette in luce il drastico cambiamento di opinione pubblica dei britannici dopo gli scandali che hanno visto coinvolta la Royal Famiy negli ultimi anni. In un ottica generale circa due terzi dei britannici si dichiarano favorevoli al mantenimento della monarchia, secondo YouGov, ma tra le persone di età compresa tra i 18 ei 24 anni, tale sostegno scende a meno del 50%.

 

Ad indebolire il brand globale della corona britannica sono stati senza dubbio gli ultimi episodi spiacevoli, dell'appassionante serie della Royal Family. Dall'amicizia del principe Andrea con l'autore di reati sessuali condannato Jeffrey Epstein nel 2019, alla 'Megxit' nel 2020, ovvero l'uscita di Harry e Meghan da palazzo reale, seguita dall'intervista di Oprah Winfrey all'inizio di quest'anno e dalle continue confessioni dei due che generano imbarazzo alla corte reale. 

 

Lady Diana, bufera sulla Bbc dopo la verità sull'intervista-inganno. Johnson valuta riforma

 

Il sondaggio - Il sondaggio YouGov indica che almeno il 41% delle persone di età compresa tra i 18 ei 24 anni preferisce un capo di stato eletto rispetto al 31% che preferisce un monarca. Si tratta, in effetti, di un completo capovolgimento di ciò che i sondaggi mostravano fino a due anni fa. All'epoca almeno il 46% preferiva la monarchia e solo il 26% voleva un cambio di rotta istituzionale.

Diverso il risultato del'indagine sui 4.870 adulti - di età compresa tra 15 e 49 anni - che ha rivelato che almeno il 53% degli adulti sostiene ancora la monarchia. Anche qui però si registrano cinque punti percentuali in meno rispetto ad un sondaggio simile del 2019. Almeno l'81% delle persone sopra i 65 anni ha affermato infine di preferire la monarchia, percentuale pressoché invariata rispetto a due anni fa.

 

La Principessa Beatrice aspetta una bambino: il nuovo royal baby nascerà in autunno

 

Megxit - Significativa l'influenza della scissione di Harry e Meghan dalla Royal Family nella percezione della monarchia. Anche in questo caso il sostegno ai duchi del Sussex ha una forte connotazione generazionale, un vero divario anagrafico, che secondo alcuni potrebbe costituire un futuro problema per la monarchia millenaria.

Nel sondaggio post-intervista, una solida maggioranza di britannici tra i 18 ei 24 anni ha espresso approvazione per Meghan e Harry, che hanno parlato apertamente delle loro lotte con il razzismo e dei problemi di salute mentale. I loro nonni, in particolare quelli con più di 65 anni, hanno espresso invece forte disapprovazione per entrambi, in particolare per Meghan. Il sondaggio YouGov riporta: «C'è una significativa differenza di opinioni tra le età. Quasi la metà delle persone di età compresa tra i 18 e i 24 anni (48%) prova più simpatia per Harry e Meghan, mentre il 15% è più solidale con i reali anziani».

 

La regina - La regina, definita un "simbolo di stabilità per la nazione" da 69 anni, gode ancora di ampio consenso. Elisabetta, sul trono da quasi sette decenni, è per molti britannici più anziani un'eco della propria giovinezza. È diventata la sovrana del paese a soli 27 anni, solo otto anni dopo che la Gran Bretagna è emersa dalle macerie della seconda guerra mondiale. La sovrana rappresenta ad oggi la certezza della permanernenza della monarchia. Finchè sederà sul trono, la corona avrà un'ottima custode. Un eventuale cambio istitituzionale implicherebbe manovre complesse come un referendum nazionale, un atto del Parlamento, o entrambi, una prospettiva che gli esperti definiscono per ora "estremamente remota".

Harry e Meghan, crescono le pressioni a corte: «Ingrati, devono rinunciare ai titoli nobiliari»

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Maggio 2021, 11:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA