Victoria's Secret cancella lo show di Natale: «Comunicheremo in altro modo»

Victoria's Secret cancella lo show di Natale: «Comunicheremo in altro modo»

Dopo le indiscrezioni di fine luglio, anticipate dalla modella australiana Shanina Shaik, ora arriva l'ufficialità: gli angeli si fermano, il Victoria's Secret show, la annuale sfilata evento di lingerie con le più belle e statuarie modelle del mondo, viene annullata dopo 23 anni. L'onda lunga del #metoo, la lotta al sessismo è tra i fattori che costringono l'azienda allo stop e a ripensare tutta la comunicazione del brand. Ad ottobre è stato presentato uno spot con la prima modella con taglia 46, Ali Tate-Cutler, e ad agosto la prima modella trans, la brasiliana Valentina Sampaio: segnali per far capire la svolta nel segno di una maggiore inclusività in tempi in cui questo è un valore primario della società. Mentre il mercato non sta premiando il gruppo L Brands (a cui fa capo Victoriàs Secret) con un vistoso calo degli utili netti. Ad abbandonare Victoriàs Secret sono state soprattutto le millennial, ovvero un terzo delle donne che guardano al mercato dell'abbigliamento intimo. Nel 2018 hanno preferito spendere in reggiseni sportivi piuttosto che pizzi e merletti. Ma non è tutto: i legami di Les Wexner (proprietario del gruppo) con il miliardario Jeffrey Epstein, il satrapo suicida in carcere a New York accusato di traffico sessuale e associazione a delinquere finalizzata al traffico sessuale, hanno messo nell'occhio del ciclone l'azienda, ora in crisi di immagine.
Venerdì 22 Novembre 2019, 15:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA