Stadio, Parnasi 4 ore davanti ai pm
Restano in carcere i collaboratori

Stadio Roma, Parnasi 4 ore davanti ai pm. Restano in carcere i collaboratori Talone e Mangosi

Dopo circa quattro ore davanti ai pm, è terminato l'interrogatorio di Luca Parnasi, il costruttore arrestato nell'inchiesta sul nuovo stadio della Roma. L'atto istruttorio si è svolto nell'ufficio del pm Barbara Zuin a piazzale Clodio ed era stato richiesto dallo stesso indagato. Parnasi si trova detenuto nel carcere di Rebibbia dallo scorso 13 giugno in quanto ritenuto a capo di una associazione a delinquere finalizzata a compiere reati contro la pubblica amministrazione.

LEGGI ANCHE  La Cassazione: Luca Parnasi resta in carcere


Restano in carcere Gianluca Talone e Giulio Mangosi, stretti collaboratori di Parnasi, detenuti nel carcere di Regina Coeli dal 13 giugno scorso. Il gip Maria Paola Tomaselli ha respinto le istanze di scarcerazione avanzate dai difensori e sulle quali la Procura aveva espresso parere favorevole. In base a quanto si apprende per il giudice Talone e Mamgosi nel corso dell'interrogatorio davanti ai pm non avrebbero offerto elementi nuovi alle indagini. Si tratta della seconda istanza di scarcerazione che il gip respinge per i due indagati.
Venerdì 13 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME