Al via le visite di Roma teatralizzate, appuntamento con la storia di Beatrice Cenci
di Valentina Catini

Al via le visite di Roma teatralizzate, appuntamento con la storia di Beatrice Cenci

Tre tappe che raccontano il fascino di Roma, la sua cultura e i suoi misteri rinascimentali attraverso la visita guidata teatralizzata “Beatrice Cenci: storia e luoghi”. L’appuntamento è per il 3, il 9 e il 31 luglio dalle 19:00 alle 21:30 per raccontare, dopo il successo della visita dedicata a “il caso di Aldo Moro” – che sarà riproposto nel mese di settembre – il racconto della giovane Beatrice Cenci, vittima di una storia fatta di violenza, subita dal padre Francesco Cenci, in una Roma rinascimentale, fatta di mistero e storia. La leggenda narra che il fantasma della giovane Beatrice si aggiri ogni 11 settembre sul Ponte di Castel Sant’Angelo e in molti affermano di averlo visto. La storia della giovane nobile si lega magistralmente ai fatti moderni inerenti alle stragi sulle donne per mano di mariti e famigliari violenti.

 

Gli organizzatori - in collaborazione con la compagnia teatrale Fenix 1530 Luca Basile Productio -, hanno voluto inserire nel cartellone delle novità 2021 de “I Viaggi di Adriano” proprio questa storia iconica che unisce, mistero, fascino, leggenda e violenza. Sensibili a tale argomento, gli organizzatori insieme all’associazione bont’worry Ingo, vogliono lanciare una campagna, “Vittime del silenzio. Non essere complice”, che prevede anche un hashtag #vittimedelsilenziononesserecomplice da postare sui propri social ed inoltre una sorta di sportello itinerante nelle tre tappe delle visite attraverso il quale i volontari illustreranno l’importanza di fare prevenzione e segnalare qualsiasi caso di violenza che potrà essere poi inoltrato, in forma anonima, all’indirizzo info@bontworry.org.

 

Ogni spettatore sarà inoltre invitato a indossare un fiore rosso ed osservare un minuto di silenzio in memoria di Beatrice Cenci e di tutte le vittime di violenza.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 1 Luglio 2021, 12:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA