Roma, il ristorante "Al 34" di via Mario de' Fiori riapre dopo l'incendio dello scorso giugno

Roma, il ristorante "Al 34" di via Mario de' Fiori riapre dopo l'incendio dello scorso giugno

Come un’araba fenice, il ristorante “Al 34” di via Mario de’ Fiori è pronto a risorgere dalle fiamme che l’hanno avvolto il 18 giugno scorso. Le immagini avevano fatto il giro del web, con tre squadre di vigili del fuoco impegnate a domare l’incendio scoppiato in un caldo pomeriggio. Prima la chiusura dovuta al lockdown, poi questo spiacevole episodio hanno fiaccato il pur generoso animo della famiglia Casalini, da generazioni proprietaria del locale, ma non l’hanno affranto del tutto. Finalmente sono pronti a ripartire.

 

Leggi anche > Roma, incendio in un ristorante a via Mario dè Fiori: due intossicati

 

Dopo mesi di intenso lavoro per riparare ai danni causati dal fuoco, l’attesa per il ritorno a pieno regime è palpitante. Guglielmo Casalini, uno dei nipoti del mitico Walter, fondatore del ristorante, mastica amaro: «È un anno decisamente storto, ricevere una botta del genere è stato veramente pesante, soprattutto a livello mentale». Ma aggiunge: «Il ristorante “Al 34” è stato, è tutt’oggi e sarà domani un punto di riferimento del centro di Roma, dunque non molliamo e siamo felici di intravedere finalmente la luce in fondo a questo dannato tunnel».

 

 

Meta di politici, volti noti della tv, calciatori e cittadini romani comuni, “Al 34” - aggiunge Guglielmo - «è un patrimonio della gente, se i muri del locale potessero parlare, racconterebbero tante storie, alcune davvero singolari». «In un mondo dove ormai cambia tutto velocemente, abbiamo ancora bisogno di luoghi tradizionali, sani, famigliari e genuini», afferma. «Non vediamo l’ora di ritrovarci insieme con i clienti abituali, con i tanti amici che in questi mesi difficili ci sono stati vicini dandoci la forza di andare avanti». Il trentenne della famiglia Casalini ci tiene a rassicurare: «Non preoccupatevi, il ristorante sarà quello di sempre, perché sia a noi che a voi piaceva così. Come si dice: “Squadra che vince non si cambia”. Però - aggiunge - troverete anche delle belle novità, siamo convinti che vi piaceranno». Giovedì c’è stata la riapertura ufficiale, in attesa di tornare presto ai fasti che competono a questo storico locale.

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 20 Novembre 2020, 11:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA