Gianluigi De Palo su Leggo: «Ecco come fare pace»
di Gianluigi De Palo

Gianluigi De Palo su Leggo: «Ecco come fare pace»

Quando a casa nostra due figli cominciano a litigare, c'è un fatto che si verifica puntualmente: più passa il tempo e più diventa difficile fare pace. Magari due fratelli iniziano a discutere per un torto subito e se non si cerca di risolvere subito, la situazione monta e coinvolge anche gli altri fratelli che iniziano a parteggiare in base a situazioni pregresse. Sono alleanze strane e non lineari. Possono essere in base al genere, all'età o alle ingiustizie che spesso i più piccoli subiscono. Se non si risolve così, allora veniamo messi in mezzo anche noi genitori e la cosa si ingarbuglia sempre di più perché non è facile fare come la Svizzera in situazioni di questo tipo. Per questo abbiamo messo una regola: non far passare più di una settimana prima di fare pace. Se non avviene scatta la punizione. Alcune volte questa pace forzata sembra ipocrita, ma alla fine essere costretti a parlarsi e a trovare una soluzione diventa l'occasione propizia per chiarirsi. Dopo quindici giorni di guerra, dopo la morte di tanti bambini, non è ancora è giunto il momento di smettere di parteggiare e di chiedere una pace che, ormai, sembra innaturale?
occhidipadre@leggo.it


Ultimo aggiornamento: Giovedì 10 Marzo 2022, 13:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA