Il mistero di Raffaella, anziana morta in casa: pensava di essere povera, invece era milionaria

Il mistero di Raffaella, anziana morta in casa: pensava di essere povera, invece era milionaria

  • 207
    share
Lo scorso 25 aprile Raffaella Donvito fu trovata morta in casa: aveva 78 anni e si pensava fosse indigente, tanto che il Comune di Milano, nella vana attesa che qualcuno celebrasse i funerali, per gli stessi aveva aspettato circa un mese prima di pensarci a suo carico. Uno dei tanti casi in cui sono le istituzioni a farsi carico delle spese del funerale, mille negli ultimi sei anni secondo il Corriere della Sera.

Incendio sul monte Martica, «a fuoco 100 ettari di bosco». Canadair in azione

Qualche mese dopo però è emersa la verità: Raffaella non era affatto indigente, ma era praticamente milionaria. Merito di un’eredità, avuta dal compagno morto una ventina d’anni fa: la donna possedeva infatti due case (una delle quali in via Lulli, quella in cui ha perso la vita), due società immobiliari e diverse proprietà e terreni, tutti in Lombardia.

Raffaella, da tempo debilitata e forse ammalata - secondo quanto scrive il Corriere - negli ultimi tempi faceva vita solitaria e non era seguita dai medici. Ora i suoi vicini di casa si stanno attivando per rintracciare i possibili eredi e informarli (si parla di una cugina negli Usa). La 78enne era nata nel 1940 a Tripoli, in Libia: i particolari sulle sue proprietà sono emersi dalla corrispondenza ricevuta a casa e analizzata per filo e per segno dall’amministratore del condominio di via Lulli.
Venerdì 4 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento: 18:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME