Niccolò Bettarini, parla il tassista: «Ecco come ho scoperto i suoi aggressori»

Niccolò Bettarini, parla il tassista: «Ecco come ho scoperto i suoi aggressori»

«Ho fatto semplicemente il mio dovere: ho messo in pratica i valori che mi hanno insegnato i miei genitori, lo rifarei altre cento volte». Così parla il tassista che ha chiamato i soccorsi la notte in cui Niccolò Bettarini è stato aggredito e accoltellato. Andrea Astore ha 37 anni ha raccontato a Il Giorno quello che è successo quella sera.

Niccolò Bettarini, uno dei fermati chiede la scarcerazione



«Sono in giro in macchina dalle parti della Triennale quando mi accorgo del gran trambusto: ci sono sei-sette auto della polizia e i sanitari del 118 che stanno prestando i primi soccorsi a un ragazzo steso a terra». Il tassista, che fa questo mestiere da 15 anni, confessa di essere rimasto molto colpito dalla scena. Racconta che una ragazza era coperta di sangue e piangeva disperta, poi, poco prima della fine del suo turno riceve una chiamata, sono due ragazzi e una ragazza e li fa salire in macchina.

«La ragazza si siede davanti, i due dietro. Noto subito che uno ha la maglietta strappata, e allora mi viene in mente una frase che avevo sentito poco prima, pronunciata ad alta voce da uno dei poliziotti che erano davanti all’Old Fashion: “Ha la maglia strappata e si è allontanato lungo il fosso”». Andrea racconta di averli portati davanti al locale, per vedere una loro reazione e capire. Sembrano nervosi e soprattutto sospettosi, così dopo averli portati a destinazione, il tassista chiama il 112 e decide di raccontare tutto quello che aveva visto e sentito quella sera. Poco dopo vengono arrestati e individuati come colpevoli dell'aggressione al figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini.

Il tassista continua a ripetere di aver fatto solo il suo dovere: «Mi sono soltanto comportato da buon cittadino che non volta la testa dall’altra parte, come ho sempre fatto nella mia vita. Quando ho avuto il sospetto che quei ragazzi potessero essere gli aggressori, ho ripensato alle gambe coperte di sangue di quella ragazza e la mente è subito corsa alle mie figlie».
Giovedì 19 Luglio 2018, 13:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA