Firenze, casalinga filippina spacciava lo shaboo nel suo appartamento

Si tratta di una 41enne filippina, già nota alle forze dell'ordine, che riceveva i clienti in un elegante edificio in zona Campo di Marte

Firenze, casalinga filippina spacciava lo shaboo nel suo appartamento

Nella sua elegante casa di Firenze, in zona Campo di Marte, aveva allestito una vera e propria centrale di spaccio, dove tanti giovani venivano ad acquistare la pericolosa droga sintetica nota come shaboo, una particolare anfetamina.

Leggi anche > Paura a Firenze, lite alle Cascine: esplosi due colpi di pistola, uomo in fuga

Una 41enne filippina, però, è stata scoperta e denunciata dagli agenti di Polizia municipale, che da tempo avevano iniziato a tenerla d'occhio. Intorno a casa della donna, già nota alle forze dell'ordine, gli agenti del Reparto Antidegrado avevano infatti notato un insolito via vai di persone, generalmente giovani di origine orientale a bordo di scooter, che si recavano all'interno di un fabbricato molto signorile per uscire pochi istanti dopo. Insospettiti gli agenti hanno effettuato appostamenti in borghese finché non hanno riconosciuto una persona già nota come acquirente di sostanze stupefacenti: questi, una volta raggiunto il portone sotto osservazione, ha chiamato qualcuno con il cellulare per farsi aprire. Quando è uscita è scattato l'intervento della Polizia Municipale: l'uomo, di nazionalità filippina, è stato trovato in possesso di 0,20 grammi di shaboo (metanfetamina), appena acquistato per 20 euro.

Gli agenti sono quindi entrati nel palazzo per perquisire l'appartamento incriminato trovando 11 grammi di cristalli di anfetamine (circa 60 dosi che sul mercato illegale, avrebbe potuto fruttare oltre 1.000 euro) oltre attrezzatura per il confezionamento (bustine e bilancino di precisione). Durante la perquisizione altri due presunti clienti si sono presentati alla porta dell'appartamento, affermando di aver concordato l'acquisto di droga via telefono. La 41enne è stata denunciata per la detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, per ricettazione di due carte di credito trovate nella sua camera durante la perquisizione e per violazione della normativa sull'immigrazione. Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Maggio 2022, 16:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA