Rubano l'auto della madre invalida, dopo l'appello i ladri la restituiscono: «Anche noi abbiamo un cuore, scusateci»
di Redazione Leggo

Rubano l'auto della madre invalida, dopo l'appello i ladri la restituiscono: «Anche noi abbiamo un cuore, scusateci»

Rubano l'auto a una donna disabile ma pochi giorni dopo la restituiscono con un biglietto di scuse. Sono stati dei ladri dal cuore tenero quelli che hanno rubato l'auto a Maria Elena Barile Damiani, una donna barese di 56 anni affetta da sclerosi multipla che aveva parcheggiato la sua Fiat Doblò davanti all’ospedale Di Venere di Carbonara.

 

Leggi anche > Elisa morta a 6 anni di leucemia. Il padre: «Usano le foto della mia bimba per finte raccolte fondi»

 

Il furto

 

A raccontare la storia di quanto accaduto è stata la figlia che dopo il furto aveva lanciato un appello su Facebook spiegando che quella macchina era l'unico mezzo che permetteva alla donna di essere indipendente. La vettura era stata infatti adattata alle esigenze delle donna e non era facilmente sostituibile. L'appello è rimbalzato sul web fino ad arrivare ai ladri che hanno restituito la vettura.

 

La replica dei ladri

 

«Anche noi abbiamo un cuore. Scusateci non sapevamo della vostra patologia… Scusateci ancora…. I ladri», hanno scritto in un biglietto i malviventi dal cuore tenereo facendo ritrovare la macchina. La storia ha avuto un lieto fine e la figlia della 56enne ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno condiviso la foto per aiutarle e anche i ladri, pur ammettendo di essere ancora amareggiata per l'accaduto. 


Ultimo aggiornamento: Domenica 17 Gennaio 2021, 12:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA