Napoli, nasce il muro di Noemi: «Pensieri e disegni restino lì per sempre a testimonianza del miracolo»

di Matilde Andolfo
Manifesti, disegni, fotografie e pensieri belli. La cancellata dell'ospedale Santobono di Napoli è un muro rosa dedicato a Noemi, la bambina di quattro anni ferita durante un agguato di camorra il 4 maggio scorso in piazza Nazionale a Napoli. Adesso il legale della famiglia Angelo Pisani lancia la proposta: "Lasciamo che questi manifesti di belle parole e pensieri dedicati a Noemi restino per sempre davanti al Santobono. Eliminiamo il degrado e le vecchie inferriate". 

"A Napoli si continua a sparare - spiega Pisani- addirittura  all'interno del pronto soccorso di un altro ospedale. Ma Napoli non è violenza, la città è altro e ha bisogno di esempi positivi come l'infinita solidarietà che si è scatenata all'indomani del ferimento della piccola". Da settimane le pareti esterne del nosocomio pediatrico sono ricoperti di cuori e cartelli. Chiunque passa in via Mario Fiore non può fare a meno di fermarsi e  leggere le dediche, i pensieri di affetto: "La maggior parte delle dediche - aggiunge Pisani - proviene proprio dai bambini, dai coetanei di Noemi". Sulle inferriate sono legati anche tanti peluche, bamboline ed è bello constatare che nessuno li ruba o li rimuova: "Ecco perché è bello che tutto questo resti nel tempo, scolpito sulla strada a memoria di tutti, in omaggio al 'miracolo' di Noemi". Il muro Noemi quale segno del male che viene sconfitto e monito per le coscienze affinché nessuno dimentichi quello che è accaduto in piazza Nazionale, il ferimento di un innocente. La proposta verrà inoltrata  alle istituzioni cittadine e ai vertici della sanità campana e al direttore generale del Santobono -Pausilipon Annamaria Minicucci. E intanto anche questa domenica sarà piena di luce per la piccola. Il suo pranzo è ancora la pastina in brodo, la pastina più buona del mondo.
Domenica 19 Maggio 2019, 12:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA