Ischia, maxi-rissa sul bus per un 'inciampo': tre feriti e sei denunciati

Ischia, maxi-rissa sul bus per un 'inciampo': tre feriti e sei denunciati

Tre persone sono rimaste ferite e sei sono state denunciate nell'isola di Ischia, dopo una maxi-rissa scoppiata per futili motivi a bordo di un bus. È accaduto ieri sera: protagonisti dell'episodio una famiglia di napoletani ed un cittadino senegalese.

Leggi anche > Il papà difende gli stupratori della figlia e poi fa un passo indietro: «Mi sono sbagliato, ora sono al suo fianco»

Tutto è iniziato poco dopo le 19, quando a bordo del bus, appena partito dal capolina di piazzale Trieste, uno dei componenti della famiglia napoletana è inciampato su una signora seduta, senza però chiedere scusa. A quel punto il marito della donna, un cittadino senegalese residente da anni in Italia, ha preteso delle scuse ed è partito il primo scontro, di natura verbale. In pochi istanti la situazione è degenerata ed il senegalese, incensurato come tutti gli altri protagonisti della vicenda, ha colpito l'uomo con un violento pugno al volto.

In men che non si dica si è scatenato il parapiglia: gli altri quattro napoletani, tre uomini e una donna, si sono scagliati contro il cittadino senegalese. A cercare di placare la situazione anche l'autista del bus, che nel tentativo di intervenire è stato raggiunto da un colpo al petto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Ischia, che hanno fermato e identificato gli autori della lite: tutti i sei protagonisti sono stati denunciati.

Tra i partecipanti alla rissa, tre persone sono rimaste ferite e sono state portate all'ospedale Rizzoli. Il cittadino senegalese ha avuto cinque giorni di prognosi, il 37enne napoletano colpito al volto ha riportato la frattura del setto nasale (30 giorni di prognosi) e l'autista intervenuto ha avuto due giorni di prognosi.


Ultimo aggiornamento: Domenica 2 Maggio 2021, 15:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA