Intensificata la protezione per i familiari della Iena Ismaele La Vardera in vista dell'uscita del suo film "Il Sindaco"

Intensificata la protezione per i familiari della Iena Ismaele La Vardera in vista dell'uscita del suo film "Il Sindaco"

La Digos di Palermo ha deciso di intensificare la protezione ai familiari della Iena Ismaele La Vardera, che ha denunciato la proposta di scambio di voti da parte del boss Antonino Abbate documentata nel film "Il Sindaco, Italian Politics for Dummies". La pellicola è in uscita in oltre 230 sale italiane lunedì  26 e martedì 27 novembre. Il film suscità molte polemiche nel momento della sua realizzazione, anche perché è stato ripreso tutto con telecamera nascosta. 

LEGGI ANCHE Quando muoriamo ce ne rendiamo conto: il cervello continua ancora a funzionare




Il film documentario racconta la campagna elettorale per diventare sindaco di Palermo; proprio quella di Ismaele La Vardera, inviato delle Iene, che alle elezioni comunali del 2017 si era candidato sindaco, registrando con una telecamera nascosta alcuni dei protagonisti della campagna elettorale.

La misura di protezione per La Vardera e i suoi familiari è scattata dopo la denuncia di una anno fa, da parte della Iena, del boss mafioso Antonino Abbate. La Vardera, nel corso della sua campagna elettorale, ha filmato di nascosto, tra gli altri, il boss mentre gli proponeva una vendita di voti 300 voti del quartiere la Kalsa a 30 euro l’uno, per un totale di 9000 euro. Il boss è ancora a piede libero. La protezione è stata intensificata in questi giorni, in vista dell'uscita del film, anche perché i familiari della Iena vivono a Palermo, non lontano dal quartiere La Kalsa.



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA