Elisa uccisa dall'ex fidanzato calciatore, le amiche: «Dovevamo denunciarlo, la tormentava da tempo»

Elisa uccisa dall'ex fidanzato calciatore, le amiche: «Dovevamo denunciarlo, la tormentava da tempo»

Le amiche e le colleghe di Elisa Amato, la 29enne pratese sequestrata e poi uccisa dal suo ex fidanzato Federico Zini, calciatore, professione centravanti, giramondo del pallone,  poi suicidatosi, a San Miniato (Pisa), sono sotto choc: «Dovevamo denunciare Federico  perché da tempo la tormentava». Ai carabinieri, però, non risultano segnalazioni o denunce a carico del ragazzo.

Calciatore sequestra la ex 30enne e la uccide, poi si suicida: i corpi trovati in un parcheggio

E' stato chiuso per lutto ieri, sabato, il negozio di Firenze dove lavorava Elisa. Sulla vetrina c'era un cartello che spiegava il motivo della serrata. La notizia della sua morte è arrivata presto alle colleghe del negozio di via Panzani a pochi passi dal Duomo, tutte stravolte e in lacrime per l'uccisione di Elisa.
 
 

Intanto secondo gli investigatori, venerdì notte Zini, 25 anni, ha ucciso la donna e poi ha portato il corpo da Prato a San Miniato, dove si è tolto la vita.
Domenica 27 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 15:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-05-27 12:26:39
Sul suo profilo in bella mostra vi è un messaggio che dice: "IN MEMORIA DI FEDERICO ZINI E PER LA BELLA PERSONA CHE ERA". Sono rimasto senza parole, forse a qualcuno è sfuggito il fatto che questo ragazzo non sia morto prematuramente per una morte improvvisa naturale o accidentale, ma ha commesso prima un omicidio togliendo la vita (sacra) ad una bellissima ragazza che tormentava da mesi e mesi e poi si è suicidato. Altro che R.I.P. e "la brava persona che eri", come decantano alcuni commenti. Io sono rabbrividito.
DALLA HOME