Covid, salgono ancora i ricoveri: Calabria al 19% di posti occupati, Sardegna al 15%

Covid, salgono ancora i ricoveri: Calabria al 19% di posti occupati, Sardegna al 15%

Coviddal monitoraggio dell'Agenzia Nazionale dei servizi sanitari regionali (Agenas) non arrivano buone notizie sul fronte dei ricoveri e delle terapie intensive. La percentuale di pazienti Covid nei reparti ospedalieri di 'area non critica' rispetto al totale dei posti disponibili nella giornata di oggi sale e cresce dell'1% in Basilicata (raggiungendo il 13%), in Calabria (arrivando al 19%), in Sardegna (al 15%) e in Friuli Venezia Giulia (al 9%), mentre in Sicilia resta stabilmente al 23% e quindi oltre la soglia limite, fissata al 15%.

 

Leggi anche > Bollettino Covid: 52 morti e 3.361 nuovi positivi. Ricoveri in aumento

 

Cresce in 4 regioni, a livello giornaliero, anche il tasso di occupazione delle terapie intensive da parte dei pazienti Covid: nella Provincia Autonoma di Bolzano (raggiungendo il 7%), in Puglia (dove arriva al 5%), in Sardegna (dove arriva al 14%) e in Veneto (arrivando al 5%). Mentre in Sicilia resta stabile al 14%, ben oltre la soglia d'allerta in questo caso stabilita del 10%. Cala in Piemonte.

 

Leggi anche > Vaccino terza dose, Speranza: «Ai fragili da settembre». Ok dell'Ema

 

Questi i valori di occupazione dei posti Covid rispettivamente in terapia intensiva e nei reparti di area medica in tutte le regioni e province autonome: Abruzzo (2% e 6%), Basilicata (3% e 13%), Calabria (8% e 19%), Campania (5% e 9%), Emilia Romagna (6% e 5%), Friuli Venezia Giulia (9% e 4%), Lazio (7% e 7%), Liguria (4% e 4%), Lombardia (4% e 6%), Marche (10% e 6%), Molise (0% e 7%), Pa di Bolzano (7% e 5%), Pa di Trento (0% e 3%), Piemonte (3% e 3%), Puglia (5% e 8%), Sardegna (14% e 15%), Sicilia (14% e 23%), Toscana (10% e 8%), Umbria (8% e 7%), Valle d'Aosta (0% e 1%), Veneto (5% e 3%). 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 8 Settembre 2021, 00:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA