La lettera di mamma Daniela al funerale di Elena e Diego: «Questa ingiustizia non ha vinto»

Funerali dei bambini uccisi dal padre, la lettera di mamma Daniela: «Questa ingiustizia non ha vinto»

«Ciao nanetti, non riesco ancora a realizzare che non potrò più vedervi, abbracciarvi, sentire la vostra voce che chiama 'mamma'. Vi abbraccio e vi dico che andrà tutto bene, nonostante il male che vi è stato inferto». È un passaggio della lunga lettera dedicata a Elena e Diego che mamma Daniela ha fatto leggere ad un'amica di famiglia al termine dei funerali a Gessate. «Sono stata fortunata ad essere la vostra mamma» e «chiedo a tutti di ricordarvi sorridendo non nelle lacrime, avrebbero preferito così».

Leggi anche > Gemelli uccisi dal papà, oggi i funerali di Elena e Diego: l'ultimo addio sulle note di Vasco Rossi

«Mamma: quell'intercalare che sentivo nominare miliardi di volte al giorno e che ora non sentirò mai più», continua la lettera. «La felicità è una scelta e voi avevate scelto di vivere sereni e felici nella vostra breve vita con i vostri caratteri differenti entrambi accomunati dal sorriso: Elena un vulcano portavi allegria in ogni luogo, Diego riflessivo e osservatore». «Non sono sicuramente stata una mamma perfetta - prosegue Daniela - come voi non siete stati figli perfetti, ma sono stata me stessa e voi, voi stessi. Voi innamorati perdutamente innamorati della vita io e di voi».
 

 

«So che da ora in poi sarete al mio fianco, il vostro sorriso mi terrà compagnia nei momenti di paura», continua la lettera. «In questo ultimo saluto vi abbraccio e vi dico che andrà tutto bene, nonostante il male che vi è stato inferto - è la conclusione della lettera -. Questa mostruosa esperienza mi sta insegnando che non importa quanto forti possiamo essere, tutti prima o poi abbiamo bisogno di un abbraccio».

«Finché saprò ancora emozionarmi sentendo il vostro nome Elena e Diego, saprò che questa enorme violenza e ingiustizia non ha vinto. Mi mancherete tantissimo».
 

 

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 4 Luglio 2020, 16:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA