Raoul Bova a processo: aggredì l'automobilista che rischiò di investire Rocìo Morales

Raoul Bova a processo: aggredì l'automobilista che rischiò di investire Rocìo Morales

Alla guida un avvocato 42enne che avrebbe ricevuto minacce e un pugno da parte dell'attore romano

Raoul Bova finisce a processo. L'attore è accusato di violenza privata, lesioni personali e minacce a causa di una lite stradale degenerata. Il romano finirà a processo per avere strattonato e sferrato un pugno a un automobilista, che, secondo quanto dichiarato dallo stesso avrebbe messo a rischio l'incolumità della sua compagna, Rocìo Munoz Morales

 

Leggi anche > Borotalco compie 40 anni. Carlo Verdone a Leggo: «Sono esploso con quel film. Eredi? Nessuno come me»

 

L'episodio incriminato si riferisce al 27 aprile 2019, quando Raoul Bova e la Morales si trovavano in zona San Giovanni ed erano appena usciti da un ristorante, diretti al parcheggio, quando è arrivata un'auto. Alla guida c'era un avvocato di 42 anni, che nel parcheggiare avrebbe urtato Rocìo rischiando di investirla

 

L'attore, a quel punto, secondo quanto raccontato, si sarebbe avvicinato all'auto furioso urlando: «Hai visto cosa hai fatto? Ti ammazzo», avrebbe riferito l'avvocato. Tra i due è nata una discussione sempre più accesa, degenerata quando Bova - sempre secondo quanto dichiarato dalla denuncia - ha afferrato il 42enne per un braccio, gli ha strappato il telefono dalle mani, lo ha tirato fuori dall’auto e lo ha colpito alla spalla con un pugno.

 

Il referto è di 5 giorni di prognosi e, adesso, Raoul Bova dovrà rispondere alle accuse. Anche l'aggredito, però, sarà tirato in causa per violenza privata in relazione alla manovra con cui avrebbe rischiato di investire la donna. L'appuntamento è fissato al 21 maggio 2022, quando si svolgerà la prossima udienza.

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Gennaio 2022, 23:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA