Morgan, la protesta: «Lavoro come uno schiavo, vorrei anche sco**** ogni tanto»

Morgan, la protesta: «Lavoro come uno schiavo, vorrei anche sco**** ogni tanto»

Morgan lavora così tanto che non gli rimane tempo per i rapporti personali (soprattutto intimi). Il cantante, ex giudice di XFactor e The Voice ha fatto sapere di lavorare come uno “schiavo”, di non riuscire comunque  a pubblicare nulla e di non trovare tempo per altro.

Leggi anche > Live non è la D'Urso, Loredana Lecciso conferma ritorno di fiamma con Al Bano


E’ lo stesso Morgan a descrivere la sua routine giornaliera: La mia giornata-tipo è una giornata angosciante in cui sono – ha spiegato in un’intervista al “Corriere della sera” -   completamente schiavo. Mi sveglio la mattina, mi metto a lavorare al computer, faccio delle cose che vanno in varie direzioni, poi, però mi accorgo che finisco sempre in una situazione che è un cul de sac. Ho ostilità a pubblicare, non riesco a pubblicare nulla, addirittura adesso il mio staff si è messo contro di me e non pubblicano quello che gli dico. Sono bloccato telefonicamente, sono silenziato, hanno detto così. È un momento di silenziamento”.



Tra musica e concerti (“No, in realtà si tratta del mio ambiente che sa benissimo che scrivo un sacco di canzoni e mi tengono a pane e acqua, a fare questo, a lavorare alle canzoni. Non faccio concerti, non vengo portato in pubblico, sono completamente schiavizzato a scrivere musica che poi usano altri. È una situazione che non mi piace”), il tempo a disposizione è ridotto: “Ogni tanto vorrei anche scopar* per esempio, cosa che non faccio”.


Non avrà tempo, ma durante la quarantena è diventato papà per la terza volta: “Sì, di Maria Eco, nata il 17 marzo dalla relazione con Alessandra (Cataldo), una bambina fantastica, bellissima, che cresce e che è la mia gioia. Lei mi apprezza molto e quando le canto la ninna nanna, si addormenta subito”.
Ultimo aggiornamento: Monday 1 June 2020, 16:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA