Ucraina, il sindaco di Zaporizhzhia disperato: «I russi hanno rapito mio figlio 16enne, fatelo sapere al mondo intero»

Oleh Buriak denuncia la scomparsa del ragazzo mentre tentava di evacuare Melitopol in auto con dei conoscenti lo scorso 8 aprile

Video

Il figlio di 16 anni del sindaco di Zaporizhzhia, Oleh Buriak, è stato rapito dai soldati russi al checkpoint di Vasylivka mentre tentava di evacuare da Melitopol. Lo rende noto lo stesso Buriak, aggiungendo di non sapere dove si trovi il figlio. «Mio figlio è stato rapito. Faccio appello alla comunità europea, all'umanità intera: aiutatemi. Fatelo sapere al mondo intero», ha detto il sindaco.

«Mio figlio di 16 anni - ha spiegato - era in macchina con due donne che conosceva e i loro tre figli. Erano tutti diretti a Zaporizhzhia. Il il convoglio di auto è stato fermato dai soldati russi, che si sono avvicinati a ogni macchina per controllare chi c'era dentro e dove stavano andando. Hanno controllato il telefono di mio figlio e lo hanno trascinato fuori dall'auto».

Buriak ha detto che l'auto è stata trattenuta al posto di blocco per tre ore prima di lasciare andare tutti, tranne il ragazzo di 16 anni, Vlad. I conoscenti di Buriak che erano in macchina gli hanno raccontato di aver implorato i soldati russi di lasciar andare il ragazzo. Il rapimento è avvenuto lo scorso 8 aprile: «Le truppe russe hanno usato un tablet per scoprire che ero il padre del ragazzo. Durante tutto questo tempo abbiamo cercato di risolvere la situazione da soli, ma non ci siamo risuciti», ha spiegato il sindaco che a distanza di dieci giorni si è rivolto alla comunità internazionale.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Aprile 2022, 12:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA