Cannes, attivista nuda sul red carpet: «Smettetela di stuprarci». La protesta choc per l'Ucraina

Cannes, attivista nuda sul red carpet: «Smettetela di stuprarci». La protesta choc per l'Ucraina

Seminuda sul red carpet, a seno scoperto e con una scritta «Stop raping us» («Smettetela di violentarci») sul seno, dipinta con il body painting. Si tinge di giallo e di blu, i colori dell'Ucraina, il red carpet del Festival di Cannes, dove un'attivista francese del collettivo SCUM ha fatto irruzione prima della presentazione del film di George Miller, Three thousand years of longing, ieri sera.

 

Jasmine Trinca debutta alla regia con Marcel e porta a Cannes la storia della madre

 

Nuda e imbrattata di vernice sul corpo con i colori della bandiera ucraina protestava contro la violenza sessuale contro le donne in Ucraina. Sul petto e sulla pancia aveva la scritta «Smettetela di violentarci» riferendosi alle notizie di stupri e torture perpetrate dalle forze russe in Ucraina. È stata fermata durante la protesta. Il gruppo di attivisti francesi ha sottolineato su Twitter l'azione di protesta.

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 21 Maggio 2022, 18:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA