Razzismo a Buckingham Palace, la madrina di William si dimette. Chi è Ngozi Fulani e perché qualcosa non torna

Una caduta di stile, quella dell'ex dama di compagnia della Regina Elisabetta che arriva mentre il Principe e la Principessa di Galles sono negli Stati Uniti

Razzismo a Buckingham Palace, la madrina di William si dimette. Chi è Ngozi Fulani e perché qualcosa non torna

Una nuova bufera ha travolto la famiglia reale inglese e riaffiorano le accuse di razzismo tanto "care" a Meghan Markle. Nell'occhio del ciclone Lady Susan Hussey, storica dama di compagnia della regina Elisabetta e madrina principe William, dopo le pesanti accuse dell'attivista nigeriano-britannica Ngozi Fulani. Ci sono però troppi punti oscuri in questa vicenda. Ma andiamo con ordine.

Meghan Markle, la rara foto del piccolo Archie pubblicata su Twitter. Ma poi il post scompare

Razzismo a Buckingham Palace, madrina di William licenziata. Chi è Ngozi Fulani? E perchè c'è puzza di bruciato? (https://twitter.com/Sistah_Space)

Razzismo a Buckingham Palace?

 Lady Susan Hussey, 83 anni, ex dama di compagnia della Regina Elisabetta, madrina del principe William e aiutante della Casa Reale è stata costretta a dimettersi nei giorni scorsi dal suo ruolo nella casa reale dopo le accuse di "atteggiamenti razzisti" in occasione di un ricevimento della regina consorte Camilla.

Lo scorso novembre a Buckingham Palace è stato organizzato un ricevimento da Camilla in onore delle associazioni impegnate contro la violenza alle donne. Fra le 300 ospiti anche Ngozi Fulani, fondatrice dell'organizzazione Sistah Space, che sostiene donne di origine africana e caraibica vittime di abusi.

Il caso Hussey ha riaperto una ferita sulle accuse lanciate da Meghan Markle alla famiglia reale dal salotto di Oprah Winfrey, nell'ormai famosissima intervista del 2021. 

Le accuse di Ngozi Fulani

Cittadina britannica e nata in Gran Bretagna, Fulani ha raccontato su Twitter di essere stata bersagliata da domande insistenti sulle sue origini da parte di lady Susan, che aveva esordito scostandole i capelli per leggere il suo nome sul badge. Malgrado Fulani abbia detto di essere britannica, lady Susan l'avrebbe incalzata più volte con domande su " quale parte dell'Africa" provenisse, mettendola in grave imbarazzo. 

Stando al racconto dell'attivista la dama ha voluto che le dicesse la provenienza della sua "gente" e ha chiesto da quanto tempo sia nel Regno Unito. «Signora! -  avrebbe risposto Fulani - Sono inglese, i miei genitori sono emigrati negli anni '50», «Oh, sapevo che saremmo arrivati al fondo, lei è caraibica!» avrebbe sottolineato Lady Susan Hussey. «No signora, sono di origini africane, origini caraibiche e nazionalità britannica».

«Non è stato solo un caso individuale, si tratta di un esempio di razzismo istituzionale», ha dichiarato Fulani all'Independent, auspicando un cambiamento «di cultura» a palazzo. Per poi aggiungere, in un'intervista alla Bbc, di essersi sentita al centro di «un interrogatorio», vittima di «un abuso, anche se non di una violenza», tale da farla percepire come ospite sgradita «in uno spazio non mio».

Le "ombre di Ngozi Fulani"

Le presunte accuse di razzismo di Ngozi Fulani fanno però storcere il naso ad un giornalista britannico del Daily Mail, Dan Wootton, che su Twitter si scaglia contro l'attivista e mette in fila una serie di tweet che lasciano presumere che dietro queste accuse di razzismo ci sia qualcosa di più.

A quanto sembrerebbe Ngozi Fulani è molto vicina a Harry e Meghan e spesso ha twittato contro la famiglia reale. A marzo del 2021, ad esempio, aveva accusato Carlo e Camilla di "violenza domestica" nei confronti di Meghan. «Una scioccante affermazione non provata», scrive il giornalista.

Un altro tweet di Ngozi che accusa la famiglia reale di "razzismo" perché Harry e Meghan non sono stati invitati a salire sul balcone di Buckingham Palace durante il Giubileo di platino. «Mi sembra molto più simile a un membro della Sussex Squad che odia la monarchia». Cosa c'è dunque dietro queste nuove accuse?

Le "ombre di Ngozi Fulani" (https://twitter.com/Sistah_Space)

Le scuse della Famiglia Reale

Il principe William, di cui lady Susan è stata la madrina, come riporta la BBC si è detto «completamente scioccato». Inoltre sono prontamente arrivate le scuse in una note del Palazzo Reale «Prendiamo questo incidente estremamente sul serio e abbiamo indagato immediatamente per stabilire tutti i dettagli. In questo caso, sono stati fatti commenti inaccettabili e profondamente deplorevoli. Abbiamo contattato Ngozi Fulani su questo argomento e la stiamo invitando a discuterne di persona. Nel frattempo, la persona interessata desidera esprimere le sue profonde scuse per il dolore causato e si è allontanata dal suo ruolo onorifico con effetto immediato. A tutti i membri della famiglia reale vengono ricordate le politiche di diversità e inclusività che sono tenuti a sostenere in ogni momento»

William e Kate, l'incontro con il fan (8 anni) vestito da guardia britannica: il video è virale

Viaggio rovinato per William e Kate

William e Kate sono arrivati a Boston mercoledì, primo viaggio in Usa in otto anni. Non tutto è filato liscio. Sono stati addirittura fischiati dai tifosi dell'Nba che, si legge sull'Ansa -  scandivano "USA, USA" mentre la coppia sedeva a bordo campo a una partita tra Celtics e Miami Heat. Non solo. Il viaggio, che Buckingham Palace considera estremamente delicato, è stato messo in ombra dalle dimissioni di Lady Susan Hussey.  Stasera comunque i principi avranno la loro grande occasione: a Boston, attorniati da star del calibro di Billie Eilish, consegneranno i premi ambientali dell'Earthshot Prize, voluti dallo stesso principe William per premiare le migliori idee utili a migliorare il destino del pianeta.

Harry e Meghan e la bomba su Netflix

Le accuse di razzismo dell'attivista Ngozi Fulani riaccendono il faro su Harry e Meghan che il prossimo 6 dicembre riceveranno  6 dicembre, a New York  un premio per il loro impegno filantropico nel corso del "Ripple of Hope Gala", organizzato da Kerry Kennedy, nipote dell'ex presidente degli Stati Uniti. 

Non solo. Sta per sbarcare su Netflix la docu-serie in sei episodi di "Harry & Meghan", un racconto senza precedenti sul duca e la duchessa del Sussex che come annuncia il teaser racconterà la storia della coppia «Nella loro versione», ciò che li ha portati ad allontanarsi dalla famiglia reale.

«Con una posta in gioco così alta - dice Meghan nel teaser - non ha più senso sentire la nostra versione?». «Ho dovuto fare tutto questo per proteggere la mia famiglia» sottolinea Harry. Lo scandalo è servito.


Ultimo aggiornamento: Sabato 3 Dicembre 2022, 22:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA