Donna di 86 anni ha cresciuto 189 bambini: «Finché ne avrò la forza, continuerò a farlo»

«Ci sono troppi bambini là fuori nel bisogno»

Donna di 86 anni ha cresciuto 189 bambini: «Finché ne avrò la forza, continuerò a farlo»

Mamma per vocazione. Nella piccola città di Marion, nella Carolina del Sud, Hannah Ford è un'autentica celebrità da quando, dopo aver cresciuto i suoi 5 figli, ha incominciato a prendersi cura dei bambini degli altri.

Aurora Ramazzotti, pomeriggio di shopping da «nonne» con la madre Michelle Hunziker e la suocera Francesca

Donna di 86 anni ha cresciuto 189 bambini: «Finché ne avrò la forza, continuerò a farlo»

Meglio conosciuta nella cittadina come Miss Hannah, quando nel 1983, rimasta vedova, i suoi ragazzi hanno lasciato la casa di famiglia per andare a vivere da soli, un suo amico le suggerì di diventare una mamma affidataria. «Ha detto: 'Hannah, saresti una brava'», ha raccontato a Today Parents la donna, che non voleva rassegnarsi a vivere sola con il suo lavoro da sarta. «Così ho iniziato a farlo».

Le testimonianze di alcuni ragazzi adottati

Da allora Hannah non ha mai smesso e quasi 40 anni dopo sono 189 i bambini di cui si è occupata e 7 quelli da lei adottati, tra cui Erica Woodberry. «Non dimenticherò mai il primo pasto che ha cucinato per noi - erano braciole di maiale e non avevo mai assaggiato carne così buona» racconta Woodberry, che aveva solo 12 anni quando insieme a sua sorella varcò la soglia di casa di Hannah. «Si è seduta lì al tavolo facendoci domande su di noi. Non eravamo abituati a questo» racconta con la voce rotta dall'emozione la donna, che oggi ha 48 anni, ma non ha mai dimenticato quel loro prima incontro.

«È una persona molto speciale» aggiunge la sorella biologica Carlotta Ford, 41 anni. «Quello che ho sempre ammirato è la sua pazienza. Non ha mai urlato contro di noi. Ti faceva solo un discorso in modo che tu sapessi come comportarti. Ha avuto un impatto su così tante vite».

Molti dei bambini che la Ford ha cresciuto sono riuscite a costruirsi una brillante carriera. Kendall-Givens, come molti dei figli di Ford, ha conseguito una laurea presso la Claflin University e la Howard University, e ora è direttore delle comunicazioni strategiche presso la University of South Carolina School of Medicine. Un traguardo ancora più incredibile se si pensa che, secondo una ricerca, meno del 10% dei giovani affidatari si laurea. «Sa come costruire la fiducia. Era come una figura materna per me e ne avevo bisogno» racconta Givens-Little, 38 anni, trasferitasi a casa della Ford quando ne aveva solo 17. «Penso che molte persone si impegnino per soldi, ma la signorina Hannah ama sinceramente aiutare».

Hannah, che festeggerà il suo 87° compleanno a dicembre, si sta attualmente occupando di due giovani: un ragazzo di 16enne e un bambino di 10. Si sta anche prendendo cura dei suoi figli adottivi Lawanda, 37 anni, e Lawrence, 36 anni, nati con sindrome alcolica fetale. Nonostante l'età avanzata la donna continua a vivere a servizio di questi ragazzi, donando loro tutto l'amore e le cure di cui hanno bisogno, avvalendosi della collaborazione di Blair Cieluch, coordinatore del supporto familiare per il Dipartimento dei servizi sociali della Carolina del Sud, che lavora con la Ford dal 2017.

«I bambini adottivi che sono stati collocati nella sua casa hanno un posto speciale nel suo cuore» spiega a Today Cieluch. «So che ha lasciato un'impressione eterna su di loro, perché sicuramente ne ha lasciata una su di me».

Hannah Ford continuerà a essere una mamma affidataria: «Finché Dio mi darà la forza»

In Usa la legge non prevede restrizioni né limiti anagrafici per i genitori affidatari, purché godano di buona salute. E Hannah Ford sente di essere abbastanza forte per continuare a occuparsi di altri bambini. «Non vedo alcuna fine in vista. Finché Dio continuerà a darmi forza, guida e saggezza, continuerò a farlo» spiega. «Ci sono troppi bambini là fuori nel bisogno. Stanno uscendo da situazioni in cui non sono nutriti correttamente, non sono amati correttamente. Loro hanno bisogno di me e io ho bisogno di loro».


Ultimo aggiornamento: Martedì 4 Ottobre 2022, 00:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA