Condannato a morte dopo una lezione all'università sui diritti delle donne: «Non impiccate il prof»

Condannato a morte dopo una lezione all'università sui diritti delle donne: «Non impiccate il prof pakistano»

«Non impiccate il professor Junaid Hafeez». La sua unica colpa è quella di aver insegnato ai suoi allievi i diritti delle donne. La petizione su Charge.org ha superato le 300mila firme. Il professore pakistano, il 21 dicembre scorso,  è stato condannato all’impiccagione per blasfemia.

Il professore di 33 anni, attivista dei diritti umani, insegnava all'università Bahauddin Zakariya a Multan (città pakistana della regione del Punjab). Dopo essere tornato in Pakistan dal Mississippi - dove aveva trascorso un soggiorno accademico come borsista del Programma Fulbright - Junaid ha voluto trasmettere ai suoi studenti la passione per la letteratura e la giustizia sociale. E 
«ha insegnato tematiche come i diritti delle donne», scrive Helen Haft, studiosa statunitense che  in questi giorni ha lanciato la petizione per salvare il professore.

Migliaia di studenti in piazza per protestare contro lo stupro di una ragazza

Junaid Hafeez
 è stato accusato di aver detto cose blasfeme: per un gruppo di studenti conservatori avrebbe anche insultato il Profeta Maometto sui social media. Junaid è stato arrestato nel 2013 e da allora è stato sempre recluso in isolamento. Il suo avvocato, Rashid Rehman, è stato assassinato nel 2014 per aver deciso di difendere il professore.

Il coraggio della giovane avvocata cattolica che difende in Pachistan i cristiani perseguitati


«Junaid e io abbiamo preso entrambi parte al programma di scambio accademico Fulbright - scrive nella petizione Helen Haft - giorni prima di aver appreso della sua condanna a morte avevo pubblicato un pezzo sulla blasfemia in Pakistan. Il codice di procedura penale del Pakistan stabilisce la pena di morte per chiunque a parole, sia per iscritto che a voce, denigra il sacro nome del Santo Profeta Maometto (su di Lui la pace)”. Da quando in Pakistan è stata introdotta la pena di morte per blasfemia negli anni 80 si sono verificate 1500 accuse di blasfemia. Un’accusa che equivale a una sentenza di morte».

«Il caso di Junaid verrà sicuramente impugnato in appello tuttavia nel mentre il professore rischia di essere ucciso in qualsiasi momento. Non c’è garanzia che il verdetto verrà ribaltato ed è imperativo che la comunità globale prenda posizione contro questa violazione dei diritti umani».

Pakistan, allarme della Chiesa sulla "vendita di donne cristiane"

 #GiustiziaPerJunaidHafeez è l'appello della petizione per chiedere l’abrogazione delle leggi pakistane sulla blasfemia. 
«Sono uno strumento che può essere utilizzato contro chiunque in qualsiasi momento. Le leggi impediscono alle persone di parlare non solo riguardo alla religione ma anche su tematiche come i diritti delle donne. Le leggi ad oggi hanno ridotto al silenzio attiviste e attivisti per i diritti delle donne, per i diritti umani, giornalisti, professori e cittadini comuni. Mentre minoranze religiose, dissidenti politici, liberi pensatori e intellettuali sono spesso presi di mira, le prime vittime sono gli stessi musulmani»
Ultimo aggiornamento: Martedì 28 Gennaio 2020, 23:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA