Claudio, morto suicida a 18 anni a New York. La procura: «Nessuna azione legale contro il college»

Dopo il suicidio del giovane di Battipaglia , che avrebbe compiuto 18 anni il giorno dopo, la procura fa sapere che non ci sono gli estremi per procedere penalmente contro l'istituto esclusivo

Claudio, morto suicida a 18 anni a New York. La procura: «Nessuna azione legale contro il college»

Claudio Mandia si è ucciso il giorno prima di compiere di 18 anni, lo scorso febbraio. Il ragazzo di Battipaglia, in provincia di Salerno, è morto suicida a New York. E dopo le pesanti accuse proveninenti dalla famiglia del giovane, la procura ha sancito che non ci sono estremi per procedere penalmente contro il college che lo ospitava. 

Leggi anche > Claudio Mandia, morto a New York: esclusi alcol e droga tra le cause. La famiglia accusa il college

Le accuse al college

 

«Siamo scioccati e distrutti da questa morte insensata. Claudio è stato sottoposto a inimmaginabili trattamenti da parte dell'amministrazione» - fa sapere la famiglia di Claudio Mandia - «Siamo pronti a prendere azioni appropriate, è in corso un'indagine completa». Mandia frequentava la Er Academy di Tarrytown, nella contea di Westchester, un istituto esclusivo a nord di New York con rette di oltre 50mila dollari l'anno.

Leggi anche > Claudio, morto a New York. La famiglia contro il college: «Si è ucciso per le loro misure primitive»

La decisione

La procura di Westchester, nello Stato di New York, ha deciso di non procedere penalmente contro il college internazionale dove a febbraio si è tolto la vita il liceale italiano morto per suicidio. Lo comunica la polizia di Mt. Pleasant che ha indagato sul caso. «La procura ha stabilito che non ci sono gli estremi per procedere penalmente», si legge nel documento. Il ragazzo, di Battipaglia (Salerno), si era tolto la vita dopo quattro giorni in isolamento punitivo.

All'ultimo anno

Claudio Mandia era all'ultimo anno di liceo alla EF Academy di Thornwood, quando si è tolto la vita dopo esser stato per quattro giorni chiuso in isolamento in seguito all'espulsione della scuola per essersi fatto aiutare in un compito di matematica. I genitori del ragazzo, Mauro e Elisabetta Mandia, hanno avviato all'inizio di novembre una azione legale civile presso la Supreme Court della Contea di Westchester accusando il personale della scuola di comportamento inumano e gravissime negligenze che hanno indotto il figlio al suicidio.


Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Novembre 2022, 19:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA