Alitalia, dopo l'ok Ue parte Ita: subito 52 aerei, 2.880 dipendenti e 61 rotte
di Enrico Chillè

Alitalia, dopo l'ok Ue parte Ita: subito 52 aerei, 2.880 dipendenti e 61 rotte

La nuova Alitalia decolla. È stato raggiunto ieri l'accordo tra i tecnici dei Ministeri dell'Economia, dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture e quelli della Commissione europea per la costituzione di Italia Trasporto Aereo (Ita). La compagnia sarà pienamente operativa dal 15 ottobre, quando partiranno i primi voli.

 


LA FLOTTA Dal 15 ottobre, data in cui cesserà di esistere Alitalia e subentrerà Ita, la nuova compagnia sarà operativa con 52 aerei, destinati a crescere fino a 78 nel corso del 2022 grazie all'inserimento di velivoli di nuova generazione. Alla fine del 2025 è prevista una flotta di 105 aerei, di cui 81 (il 77%) di nuova generazione per un minore impatto ambientale.

 


I DIPENDENTI Il piano industriale prevede la stessa crescita progressiva anche per i dipendenti: nel 2021 saranno 2.800 le nuove assunzioni, mentre entro il 2025 i dipendenti saranno in tutto 5.550-5.700. L'annuncio ha già trovato la netta opposizione dei sindacati.

 


LE TRATTE Dal 15 ottobre, Ita servirà 45 destinazioni con 61 rotte, che nel 2025 saliranno a 74 destinazioni con 89 rotte. Sul lungo raggio previsti collegamenti con New York (da Milano e Roma), Tokyo, Boston e Miami (tutte da Roma). Dal 2022 nuovi voli per San Paolo, Buenos Aires, Washington e Los Angeles. Sul breve e medio raggio subito operativi i voli da Fiumicino e Linate per le principali destinazioni europee (tra cui Parigi, Londra, Amsterdam, Bruxelles, Madrid, Atene, Francoforte e Ginevra) ed extraeuropee (Algeri, Cairo, Tel Aviv, Tunisi), che saranno ulteriormente rafforzate il prossimo anno. In ambito nazionale è prevista la copertura di 21 diversi scali.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Luglio 2021, 08:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA