Boom di "minilifting" composito: sempre più persone cedono al "ritocchino"

Boom di "minilifting" composito: sempre più persone cedono al "ritocchino"

Ringiovanimento del viso e del collo con un intervento meno invasivo e dagli effetti più duraturi. È boom di richieste per il ‘minilifting’ composito, rivoluzione per la chirurgia estetica della faccia: e sempre più uomini e donne cedono al ritocchino.
L’innovativa tecnica di lifting facciale permette di sollevare i tessuti con un approccio mininvasivo e con un’esposizione dei tessuti minore ma con risultati più duraturi di un intervento tradizionale completo. L’operazione si esegue in anestesia locale con sedazione e, soprattutto, in regime di day hospital. Ideato da Sam Hamra di Dallas (USA), diffuso dall’australiano Mendelson e reso più pratico dal tedesco Funk, il nuovo intervento di lifting composito è stato  introdotto per la prima volta in Italia dal chirurgo plastico Daniele Spirito, di Roma, docente da 19 anni nel Master di Chirurgia Estetica nella Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica dell’Università di Milano: la tecnica è stata presentata al congresso della Società Italiana di Chirurgia Plastica (Sicpre) a Roma, a quello Italo-Brasiliano a Napoli e dimostrata in diretta lo scorso 15 giugno a Roma nella Casa di Cura 'Karol Wojtyla Hospital' all’Eur. 

«La tecnica del lifting composito può essere ormai considerata una valida alternativa al classico lifting facciale, i risultati sono di molto superiori alle aspettative - afferma il Prof. Spirito - L’idea è rivoluzionaria: i tessuti vengono sollevati in maniera ‘composita’ che vuol dire di tutti i tessuti insieme e gli effetti durano più a lungo del classico lifting. L’incisione è unica davanti l’orecchio e ripercorre le sue pieghe, si esegue in anestesia locale con sedazione. In una settimana il paziente riprende la propria vita. Si applica la fasciatura completa per 24 ore e poi una speciale medicazione compressiva e adesiva che avvolge il collo fino alle orecchie per 4 giorni».

La richiesta è sempre maggiore e tutto lascia pensare che il ‘minilifting composito’ cambierà per sempre il ritocco di viso e collo.  «I risultati sono entusiasmanti - prosegue l’esperto -  Il viso ringiovanisce di dieci anni, i rischi di complicanze sono ridotti, il recupero è più rapido e la durata nel tempo è sensibilmente maggiore. Tantissimi i vantaggi per i pazienti - conclude  - che sempre più scelgono di sostituire in via definitiva il lifting tradizionale completo per l’approccio mininvasivo».
Giovedì 7 Febbraio 2019, 14:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA