Sanremo senza figuranti, Amadeus pronto a lasciare

Sanremo 2021 senza figuranti, Amadeus pronto a lasciare il Festival. Franceschini: «L'Ariston è un teatro come gli altri»

Amadeus  verso l'addio al Festival di Sanremo 2021. È stato fissato per la tarda mattinata di oggi un vertice di emergenza tra il conduttore e direttore artistico del Festival e l'amministratore delegato Rai Fabrizio Salini, peraltro impegnato sempre nella mattinata di oggi con il Cda, al centro del quale c'è proprio il capitolo Sanremo e tutto ciò che riguarda la difficile realizzazione della kermesse a causa delle misure stringenti legate all'emergenza epidemiologica. Il destino di Amadeus e del Festival stesso è appeso alla posizione che l'amministratore delegato Salini prenderà dopo il tweet con il quale questa mattina il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali Dario Franceschini è intervenuto sulla vicenda Sanremo: «Il Teatro Ariston di Sanremo è un teatro come tutti gli altri e quindi, come ha chiarito ieri il ministro Roberto Speranza, il pubblico, pagante, gratuito o di figuranti, potrà tornare solo quando le norme lo consentiranno per tutti i teatri e cinema. Speriamo il prima possibile». 

Sanremo 2021, Speranza: «No al pubblico, il Cts dia regole per i cantanti»

«Ibrahimovic razzista via da Sanremo», rivolta social: «La Rai cancelli la sua presenza». Ma Zlatan precisa: siamo tutti della stessa razza

La lettera

Dunque sì a Sanremo, ma senza pubblico. «Per quanto concerne gli spettacoli che si svolgono in sale teatrali - qual è, per l'appunto, il Festival di Sanremo - restano vigenti le prescrizioni di cui all'articolo 1 comma 10 del decreto del presidente del Consiglio dei ministri 14 gennaio 2021, che consente lo svolgimento degli spettacoli in assenza di pubblico». È quanto si legge nella lettera inviata dal ministro Speranza al coordinatore del Cts Agostino Miozzo dopo le richieste dei discografici sullo svolgimento del festival di Sanremo. 

Proprio ieri il ministro della Salute, Roberto Speranza, aveva chiesto al Cts le indicazioni sul «protocollo di sicurezza per artisti e maestranze», sollecitato nei giorni scorsi dall'industria discografica. Speranza ha ribadito che per gli spettacoli «che si svolgono nelle sale teatrali» valgono le norme previste dal Dpcm in vigore, «che consente lo svolgimento di spettacoli in assenza di pubblico», e ha invitato il Cts a pronunciarsi «in tempo utile». Una data per una riunione non sarebbe stata ancora fissata: gli esperti attendono probabilmente il testo del protocollo sanitario e organizzativo che la Rai sta mettendo a punto in queste ore e che dovrebbe essere pronto all'inizio della prossima settimana. Oggi a Viale Mazzini se ne parlerà anche in cda: all'ordine del giorno - a quanto si apprende - è prevista un'informativa su Sanremo.

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Gennaio 2021, 13:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA