Milan, Giroud fa arrabbiare gli italiani: «La cucina francese è più avanti di quella francese»

Milan, Giroud fa arrabbiare tutti: «La cucina italiana è più indietro di quella francese»

L'attaccante numero 9 del Milan scalda i motori in vista del rientro sul campo, ma la sua provocazione sulla cucina non fa piacere ai milanisti e a tutti gli italiani

Olivier Giroud, dopo l'infortunio, è pronto a tornare protagonista nel Milan a suon di gol. Prima il covid, poi il problema alla schiena che ha lasciato in emergenza l'attacco rossonero, ma adesso il 35enne ex Chelsea è pronto a tornare sul rettangolo verde. Nell'intervista rilasciata al canale ufficiale della Serie A, però, lancia una provocazione che non lascia indifferenti gli italiani: «La cucina francese è meglio di quella italiana».

 

Leggi anche > Beppe Incocciati, 40 anni fa l'esordio con la maglia del Milan

 

Il neo acquisto del Milan, dopo un avvio pirotecnico con la doppietta alla Sampdoria, è pronto a tornare a segnare con la sua nuova maglia. Una maglia che da piccolo era il suo sogno. «Sono orgoglioso di essere al Milan - ha dichiarato -, la Serie A è il campionato che guardavo quando ero bambino. Il mio calciatore preferito quando ero adolescente era Shevchenko, sono fortunato ad avere l'opportunità di segnare come lui per questo club. Giochiamo a calcio per queste emozioni, non vedo l'ora di dare tutto per la squadra e per i tifosi del Milan».

 

E come il suo idolo, vuole provare a riportare lo scudetto a Milano sponda rossonera: «Prima di venire in Italia, quest'estate, ho parlato anche con Tomori, che mi ha detto "ti aspettiamo per provare a vincere lo scudetto. Non voglio mettere troppa pressione, ma lottiamo per il primo posto in classifica».

 

Ai margini dell'intervista, però, Olivier Giroud ha lanciato una frecciatina a tutta Italia. Un commento sulla cucina italiana che di certo ha fatto infuriare molti, visto che la cucina per gli italiani è un vanto nel mondo. «Entrambe le mie nonne erano italiane - ha detto il numero 9 rossonero - e sono fiero delle mie radici, ho imparato la lingua a scuola. Amo questo Paese e ovviamente la sua cucina, è un po' indietro rispetto a quella francese, ma è comunque buona. Non vedo l'ora di imparare meglio la lingua e scoprire meglio Milano per girarla con la mia famiglia».

 



 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 11 Ottobre 2021, 21:17

© RIPRODUZIONE RISERVATA