Putin, ecco Patrushev: l'ex spia del KGB è l'uomo dietro la strategia folle dello zar. «Potrebbe sostituirlo al Cremlino»

Nikolai Patrushev, il potente segretario del Consiglio di sicurezza e stretto alleato di Putin dai giorni in cui stavano insieme al KGB a San Pietroburgo

Patrushev dietro la strategia folle di Putin. «Potrebbe sostituirlo al Cremlino»

C'è un'eminenza grigia di Vladimir Putin. L'unico che sa ciò che vuole lo "zar" e che forse lo indirizza nelle scelte strategiche. Secondo alcune indiscrezioni potrebbe essere addirittura il suo futuro successore. Si tratta di Nikolai Patrushev, il potente segretario del Consiglio di sicurezza e stretto alleato di Putin dai giorni in cui stavano insieme al KGB a San Pietroburgo. Come ha rivelato in un articolo di retroscena "The Washington Post", quando il presidente russo ha tenuto l'ultima riunione del suo Consiglio di sicurezza prima di decidere l'invasione dell'Ucraina, sembrava dominare la stanza come un falco: ha detto al presidente russo che dietro le tensioni nell'Ucraina orientale c'erano gli Stati Uniti e che stavano cercando di far crollare la Russia. "Il nostro compito è difendere l'integrità territoriale del nostro paese e difendere la sua sovranità", ha precisato Patrushev in un commento televisivo. Patrushev, la cui posizione è equivalente al consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, stava esprimendo una visione della Guerra Fredda che poi, nei fatti, Putin ha sposato quando ha ordinato l'invasione del 24 febbraio.

Putin, la mossa di Patrushev 

Mentre il presidente russo sembrava naufragare nei primi tre mesi del conflitto - arrabbiato, sulla difensiva e quasi scomparendo alla vista - Patrushev si è fatto avanti per giustificare l'invasione e promuovere gli obiettivi bellici della Russia. In una serie di interviste con i giornali russi, ha predetto che l'Europa sarebbe crollata sotto il peso di una crisi alimentare globale e dei rifugiati, mentre l'Ucraina si sarebbe disintegrata in diversi Stati. Ha chiesto una rinascita delle "tradizioni storiche" nel sistema educativo russo per creare "autentici patrioti". Si è anche avventurato nella politica economica, chiedendo una "perestrojka strutturale" - un riferimento alla riforma dell'era sovietica - che in parte includesse un nuovo sistema sovrano per determinare il tasso di cambio del rublo.

 

La comparsa di Patrushev

L'improvvisa comparsa di Patrushev dopo più di due decenni come mediatore di potere dietro le quinte ha sottolineato il suo ruolo di forza trainante al Cremlino. In molti hanno pensato che stesse cercando di posizionarsi per prendere il posto di Putin, tra le persistenti speculazioni sulla salute del presidente e il ritiro della Russia da Kiev. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto al "Washington Post" che era "un'invenzione" il fatto che il ruolo di Patrushev fosse cambiato, ma che era sempre stato attivo in linea con la sua "ampia sfera di autorità". "Naturalmente, il presidente è il presidente e, nelle condizioni dell'operazione militare speciale, svolge il ruolo di comandante in capo", ha aggiunto Peskov. Il portavoce del Consiglio di sicurezza, Yevgeny Anoshin, ha anche negato che Patrushev rivendicasse un ruolo più importante: “È un patriota, è un attore di Stato che da molti anni è devoto alla Federazione Russa e a Putin”.

La linea dura degli ex uomini del KGB

L'ascesa di Patrushev sottolinea l'influenza della linea dura degli ex uomini del KGB. Quando Putin ha lanciato la guerra, sembrava che "il momento di Patrushev fosse arrivato", ha detto Tatiana Stanovaya, la fondatrice della società di consulenza politica russa R.Politik. “Le sue idee sono alla base delle decisioni prese da Putin. È una dei pochi che Putin ascolta”. Le lunghe interviste di Patrushev - e i suoi recenti viaggi - dimostrano che "è l'unico autorizzato a spiegare e chiarire i pensieri di Putin", ha spiegato Andrei Kolesnikov, ricercatore presso il Carnegie Endowment for International Peace, come riportato dal "Washington Post". Anche quando parla il ministro degli Esteri Sergei Lavrov, non è chiaro se parli per Putin. “I diplomatici spesso cercano di indovinare. Non sanno cosa vuole Putin, ma Patrushev lo sa", ha concluso Kolesnikov.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Luglio 2022, 08:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA