Torino, neonato muore a 20 giorni: dai medici prescritto aerosol, ma aveva la polmonite

Un neonato di 20 giorni è morto lo scorso 2 febbraio a Torino e in seguito alla tragedia la Procura torinese ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti: il bimbo era stato visitato all'ospedale Maria Vittoria per svenimenti e forti attacchi di tosse.

Marco Vannini, gli infermieri: «Ci fu impedito di soccorrerlo». Cosa accadde quella notte

Il piccolo rifiutava il latte, continuava a tossire e dormiva tutto il giorno, così i genitori, dopo essersi rivolti al pediatra, l'avevano portato in ospedale la notte del 31 gennaio: i medici l'hanno però dimesso prescrivendogli l'aerosol. Tornati a casa, la mattina del 2 febbraio, il bimbo è svenuto nuovamente: i genitori hanno chiamato il 118 ma il neonato è morto poco dopo l'arrivo in ospedale.

Sul corpo del bambino è stata eseguita l'autopsia dal medico legale Francesco Bison, ma per stabilire le cause del decesso sono necessari gli esiti dei campionamenti su cui verrà fatta una lunga serie di analisi: secondo quanto scrive Repubblica l'autopsia avrebbe stabilito che il bimbo era stato colpito da una polmonite fulminante dovuta ad un virus. 
«Vogliamo solo giustizia», le parole del padre, 40 anni, e della mamma 29enne.
Ultimo aggiornamento: 20:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA