Vaccino, Cavaleri (Ema): «Meglio vietare Astrazeneca a tutti, giusto J&J solo agli anziani»

Vaccino, Cavaleri (Ema): «Meglio vietare Astrazeneca a tutti, giusto J&J solo agli anziani»

All'epoca avevamo visto una probabile rarissima associazione tra AstraZeneca e le trombosi, ma la nostra posizione era ed è che in un contesto pandemico il rapporto rischi-benefici resta favorevole per tutte le età». Lo ha detto Marco Cavaleri responsabile della strategia sui vaccini di Ema, l'agenzia europea del farmaco, a “La Stampa” sulla restrizione del vaccino AstraZeneca. Ora che ci sono meno contagi e più vaccini non è meglio usare altro? «Nei giovani i rischi della malattia calano e il messaggio per loro potrebbe essere di usare preferenzialmente i vaccini a mRna, ma la scelta la lasciamo ai singoli Stati».

 

Vaccino, la campagna rischia la frenata: cambia il “richiamo” per 900mila italiani. «In arrivo 55 milioni di dosi di Pfizer e Moderna»

 

«È vero che ogni Stato ha avuto un approccio diverso, ma la nostra scelta è stata fatta in piena pandemia quando la priorità era vaccinarsi con quel che c'era. Non va dimenticato che l'Ema è alla base delle autorizzazioni dei vaccini usati dall'Oms in mezzo mondo, dove ancora oggi c'è scarsità di dosi. È chiaro che una volta migliorato lo scenario alcuni Paesi avrebbero potuto usare prima i vaccini a mRna», ha proseguito Cavaleri. Quindi gli Open day di AstraZeneca non li avete visti di buon occhio? «Ci saremmo augurati un approccio più cauto rispetto alla disponibilità di altri vaccini». Questo vale anche per Johnson&Johnson, che il Piemonte vieta agli under 60? «Ha dato meno problemi di AstraZeneca, anche se è stato usato poco. Con una dose risulta utile per alcune categorie difficili da raggiungere, ma resta ad adenovirus ed è preferibile riservarlo agli over 60».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Giugno 2021, 10:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA