Ostia presa d'assalto, distanze ignorate. I balneari: «Disinfettiamo tutto»

I romani tornano al mare a Ostia. Incuranti dell'emergenza sanitaria: baci, abbracci, distanze ravvicinate. In una parola: assembramenti. I balneari sono entusiasti: «Disinfettiamo tutto. La gente ha voglia di mare», queste le parole di Maurizio Pasqualoni, titolare dello stabilimento “La Conchiglia. Con l’arrivo del caldo e delle belle giornate, i romani tornano ad affollare il litorale di Ostia: stabilimenti pieni tra entrate contingentate e igienizzazione dei lettini e degli ombrelloni. 

La spiaggia infatti si presenta affollatissima come se non ci fosse mai stato il coronavirus. Scene da espoche preCovid: amici che si abbracciano sulla battigia e zero distanze tra i teli e i lettini. È luglio, e pur di non rinunciare a una giornata al mare è caccia al quadrato di sabbia per prendere il sole tutto il giorno. Peccato se bisogna stendersi accanto a un altro bagnante che non intende spostarsi e distanziarsi per gli stessi motivi del suo vicino di spiaggia: è luglio, fa caldo, e magari è pure la prima domenica al mare. Sprezzo del Covid? C'è sempre uno sprezzante più audace di te che rimarrà a godersi la tintarella con lo stesso identico pensiero di quando le persone affollavano e affollano la movida, a inizio marzo e in queste notti estive. Il pensiero: a me non succederà mai. Le terapie intensive sovraffollate hanno poi dimostrato che è un pensiero fallace, una scappatoia mentale pericolosissima. 

Basta scorrere le foto che arrivano dal litorale: tanti, tantissime persone ravvicinate che prendono il sole o magari lo evitano sotto l'ombrellone, assieme, ammassati come se non ci fosse alcuna emergenza sanitaria in corso. 
 
 

Ultimo aggiornamento: Domenica 12 Luglio 2020, 18:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA