Il doppio ex Collovati: "Inter-Milan questa volta è un derby senza pronostico"
di Fabrizio Ponciroli

Il doppio ex Collovati: "Inter-Milan questa volta è un derby senza pronostico"

Fulvio Collovati conosce perfettamente l’atmosfera del Derby. Ne ha giocati diversi, sia con la casacca del Milan che, successivamente, con quella dell’Inter. Un doppio ex molto competente in materia di stracittadina.

Collovati, che Derby dobbiamo aspettarci?
“Mi aspetto una partita condizionata dal Covid. Se non ci fossero tante tutte le defezioni che ci saranno, ritengo che l’Inter sarebbe stata favorita, anche perché la squadra di Conte punta allo Scudetto e ha un organico superiore, almeno sulla carta. Tuttavia, direi che il Covid ha azzerato tutto. Partono entrambe con le stesse possibilità di vincerlo”.

Quindi le assenze in casa nerazzurra peseranno?
“Certamente. L’Inter ha perso diversi elementi, tra positivi al Covid e infortunati, mentre il Milan, per fortuna dello spettacolo, recupera due titolari, ovvero Ibrahimovic e Romagnoli.

Si parla tanto della sfida tra Lukaku e Ibrahimovic…
“Normale che sia così ma credo che l’Inter abbia un vantaggio. Conte ha due cannoni con cui far male al Milan. Ha Lukaku e anche Lautaro Martinez che potrebbe essere decisivo per le sorti del match. Comunque, gran bella sfida quella tra Lukaku e Ibrahimovic. Per fortuna ci saranno entrambi. Sono i simboli delle due squadre, i tifosi si identificano in loro due. Comunque, ripeto, attenzione a Lautaro che mi sembra in ottime condizioni”.

Da chi si aspetta qualcosa di particolare?
“Sono curioso di vedere Theo Hernandez e Hakimi in azione. A mio giudizio sono i migliori due esterni del campionato. Sarà un duello davvero frizzante. Ci terranno molto a far bene. E’ una sfida nella sfida”.

Ci sono tanti duelli interessanti…
“Vero. Infatti, penso che la differenza non la farà il gioco ma i duelli individuali. Mi aspetto tanti faccia a faccia importanti tra giocatori di qualità. Avrà un bel da fare Romagnoli che, appena rientrato, se la vedrà con Lukaku, tanto per fare un esempio”.

Pioli e Conte, due allenatori agli antipodi
“Sì ma bravi entrambi. Pioli è stato incredibile. Era quasi fuori dal Milan e se l’è ripreso alla grande. Conte ha dato subito la sua impronta. Si vede che è l’Inter di Conte”.

Purtroppo, mancherà il pubblico…
“Che tristezza. Io sto commentando le partite da studio e non è la stessa cosa. Manca tantissimo il pubblico e mancherà ancor di più al Derby che, da sempre, è una festa per tutto il tifo milanese. Almeno fino a quando non si conosce il vincitore”.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Ottobre 2020, 02:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA