Vialli, il dolore della mamma di Mancini: «Per me era come un figlio». Del Piero si commuove in tv su Sky

La commozione di Alex e l'omaggio di Spalletti: "Era un grande in campo e nella vita"

Video

Il giorno dopo la morte di Gianluca Vialli, mentre Roberto Mancini non ha ancora rotto il silenzio - e non potrebbe essere altrimenti, dato che in poche settimane ha perso, dopo Sinisa Mihajlovic, anche un altro amico fraterno - parla invece la mamma del ct della Nazionale azzurra, Marianna Puolo, che in una dichiarazione all'ANSA esprime tutto il suo dolore per la scomparsa dell'ex attaccante di Sampdoria e Juventus.

Vialli, l'ultimo messaggio nella chat "Notti magiche": «Quando è rimasto in silenzio, abbiamo capito...»

Mancini come sta? Il dolore (e il silenzio) dell'amico. Zazzaroni: «Ha perso un pezzo di vita»

Vialli, il dolore della mamma di Mancini

«Gianluca è stato per me come un figlio, ovviamente senza nulla togliere alla sua mamma che in questo momento tanto sta soffrendo», le parole della signora Mancini su Vialli, scomparso ieri all'età di 58 anni. «Tutti sanno del forte legame che ha sempre unito mio figlio a Gianluca, il dolore che abbiamo dentro è immenso e non oso immaginare quello che stanno provando i suoi familiari», aggiunge Marianna.

«Gianluca l'abbiamo seguito assieme a Roberto dai tempi della Sampdoria, l'abbiamo visto praticamente crescere, in questo momento è anche difficile trovare le parole», racconta ancora. «Siamo tutti addolorati, è davvero un momento difficile. Mio figlio in poco tempo ha perso Gianluca, Sinisa (Mihajlovic, ndr) e un caro amico d'infanzia», conclude Marianna. Ieri, appena appresa la notizia della scomparsa di Vialli, anche Stefania Mancini, la sorella del ct, aveva salutato Gianluca con un post su Facebook: «Addio grande Uomo e Campione ci mancherai».

 

Del Piero: Luca il mio esempio più importante

«In questi momenti non sono molto a mio agio a parlare, specie di Luca che insieme a Roberto Baggio è stato indubbiamente l'esempio più importante che ho avuto da diciottenne al mio arrivo alla Juventus». È il toccante ricordo di Alessandro Del Piero che ha voluto omaggiare Vialli ieri sera durante la trasmissione su Sky 'Calciomercato - L'originale'. «Era una Juve ricca di tanti giocatori - dice Del Piero - con tanti campioni, ma loro due, che arrivavano dalla vittoria della Coppa Uefa, e per quello che rappresentavano in nazionale e per gli attaccanti in generale, erano il numero nove e il numero dieci per eccellenza».
 

Video

Poi aggiunge: «Sono stati enormi per me, Luca nello specifico è diventato il mio capitano ed è così che voglio ricordarlo, è così che lo chiamavo sempre, anche ultimamente. Lo è stato in campo e fuori dal campo. Lo è stato la prima volta, quando ero aggregato alla prima squadra e lui mi ha invitato a mangiare con tutti a Torino. Luca aveva una voce rassicurante, decisa, un personaggio che ispirava non solo fiducia ma anche carisma, determinazione, la voglia di mettere il petto in fuori e affrontare qualsiasi tipo di sfida, indipendentemente dal fatto che potesse sembrare insuperabile».

Spalletti: un grande in campo e nella vita

«È uno dei primi usciti dall'Italia che s'è fatto valere in Premier, facendo poi anche l'allenatore, il commentatore, ricordo benissimo a Sky la sua competenza ed il rispetto di tutti, una grandezza in campo e nella vita ed ha speso tutto se stesso per noi perché l'abbiamo visto anche nell'ultimo mondiale dare consigli a tutti nonostante la sua condizione. Ci ha dato insegnamenti ed abbiamo imparato molto da lui, grazie Gianluca». Così ricorda Vialli l'allenatore del Napoli, Luciano Spalletti, in conferenza stampa prima della quale, per volere del tecnico, è stato osservato un minuto di silenzio nel quale sono stati accomunati Gianluca Vialli e Sinisa Mihajlovic. «Con la squadra prima di iniziare l'allenamento abbiamo pensato a come partecipare al ricordo di Vialli e Mihajlovic domani allo stadio. Quando è successo di Sinisa non c'è stata conferenza stampa, uniamo tutti e due e osserviamo un minuto di silenzio per ricordarli»


Ultimo aggiornamento: Domenica 8 Gennaio 2023, 10:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA