Covid, lo studio: «I vaccini Pfizer e Moderna funzionano meglio negli uomini che nelle donne»

Covid, lo studio: «I vaccini Pfizer e Moderna funzionano meglio negli uomini che nelle donne»

Secondo uno studio sui vaccini anti-Covid quelli Pfizer e Moderna sarebbero più efficaci negli uomini che nelle donne. Questi due preparati sono molto simili perché entrambi a RNA messaggero e funzionerebbero di più negli uomini a causa di una particolare caratteristica delle cellule immunitarie natural killer (NK) maschili, capaci di assorbire meglio l'informazione genetica della proteina S o Spike del coronavirus SARS-CoV-2. 

 

Leggi anche > Infermiere no vax sospeso senza stipendio a Brindisi, gli avvocati annunciano ricorso: «È malato»

 

Lo studio pubblicato sulla rivista scientifica Molecular Pharmacology è stato condotto da un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell’Università Statale del Michigan. Gli uomini risultano un po' più protetti delle donne. Si parla di un'efficacia del 95,4 percento negli uomini a fronte del 93,1 percento nelle donne per quanto riguarda Moderna. Il farmaco di Pfizer-BioNTech ha invece dimostrato un'efficacia del 96,4 percento negli uomini e del 93,7 percento nelle donne.

 

Gli scienziati hanno scoperto che alcune cellule immunitarie chiamate natural killer (NK) negli uomini assorbono più nanoparticelle che nelle donne. Questa piccola differenza potrebbe essere eliminata inserendo prima le nanoparticelle nel plasma di un donatore, ma non ci sono ancora studi in merito. 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Maggio 2021, 09:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA