Coronavirus, Silvio Brusaferro: «Non dobbiamo illuderci rispetto ad un piccolo calo. La curva dipende da noi»

Non bisogna cantare vittoria troppo presto. Questo è il messaggio che Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha voluto lanciare alla popolazione dopo essere intervenuto ai microfoni di Rai Radio2 nel corso dell trasmissione I Lunatici. 

Leggi anche > Coronavirus, Borrelli: «Per un caso positivo ce ne sono 10 che non vengono censiti»

«Per capire la tendenza bisogna aspettare qualche giorno. Non dobbiamo illuderci rispetto ad un piccolo calo», ha affermato. L'entusiasmo arriva dopo i numeri dei contagi e dei decessi della giornata di ieri che, per la seconda volta, si registrano in calo dall'inizio della diffusione dell'epidemia in Italia. Secondo l'esperto si tratta però di dati su cui bisogna essere cauti: «Dobbiamo guardare i dati con grande attenzione, analizzarli anche dal punto di vista epidemiologico. Bisogna aspettare ancora qualche giorno per capire la tendenza, questa è una settimana molto importante». 

Non tutte le città, sottolinea, hanno lo stesso ripo di restrizioni e la cosa fondamentale è evitare che succeda al Sud Italia quello che si è registrato negli ultimi giorno al Nord. Ovviamente la responsabilità dei dati è strettamente collegata alla condotta dei cittadini: se ci si attiene alle regole il calo dei contagi potrebbe continuare a scendere: «Il virus non ha confini, confini amministrativi, geografici, non preferisce il nord o il sud, ma dipende dai comportamenti. Si trasmette di persona in persona, si trasmette attraverso le goccioline e il contatto, il distanziamento sociale, il mantenere le distanze, l’igiene personale, sono le misure importanti che limitano la diffusione del virus», ha ribadito Brusaferro.

 
Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Marzo 2020, 12:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA