Novavax, come prenotarsi nel Lazio: ecco gli hub dove viene somministrato il vaccino proteico

Novavax, nel Lazio prenotazioni al via da giovedì: ecco tutti gli hub

di Francesco Malfetano

Ecco Novavax. Dopo diverse settimane di ritardo sono infatti in arrivo le prime consegne del vaccino proteico tanto atteso da alcuni tra coloro che fino a questo momento hanno deciso di non vaccinarsi. «Un milione di dosi entro questo weekend» ha annunciato ieri il commissario per l'Emergenza Francesco Paolo Figliuolo. Forniture con cui - appunto - si spera di convincere una fetta dei 2,8 milioni di cittadini che hanno preferito non aderire alla campagna vaccinale. Una missione importante. E non a caso le Regioni provano ad accelerare, improntando fin da subito un piano operativo per mettere immediatamente a disposizione degli hub la nuova "arma" per la profilassi.

Novavax, come funziona il vaccino proteico in arrivo in Italia: differenze con Pfizer e Moderna

Tra le più solerti il Lazio che già a gennaio, quando Novavax avrebbe dovuto garantire l'arrivo delle prime forniture, aveva messo a punto la sua strategia, definendo almeno in parte un dove e quando. Sul come invece, le indicazioni sono chiare e fornite da Aifa: il vaccino statunitense a base proteica (nella tecnologia simile a vaccini "storici" come quelli per l'herpes zoster e la meningite) è autorizzato solo per i maggiorenni ed esclusivamente per il ciclo primario. Ovvero potrà essere iniettato solo per prima e seconda dose (non per il booster), da somministrarsi a 21 giorni di distanza l'una dall'altra.

 

 

I CENTRI VACCINALI NEL LAZIO

Tornando al Lazio, la Regione ha fatto sapere ieri che la possibilità di prenotare il vaccino Novavax verrà implementata a partire da giovedì. Dal 24 febbraio in pratica, accedendo alla consueta piattaforma regionale (https://prenotavaccino-covid.regione.lazio.it/main/home) sarà possibile prenotarsi sia per la prima che per la seconda dose. Le somministrazioni invece - sperando non vi siano ulteriori ritardi degli ultimi minuti - dovrebbero iniziare non appena le forniture saranno rese disponibili da parte della struttura commissariale. E quindi, si spera, già a partire da questo fine settimana.

In base al piano redatto in prima battuta il nuovo farmaco sarà disponibile in 15 hub distribuiti su tutto il territorio regionale, di cui 7 solo nella Capitale. La Regione non ha ancora reso nota l'intera lista dei centri vaccinali interessati dalla novità ma tra questi ci sono l'hub Acea di Ostiense (dove si continuerà a somministrare anche Pfizer), la casa di cura Villa Aurora in via Battistini (anche qui si prosegue contestualmente con Pfizer), l'ospedale Lazzaro Spallanzani in via Portuense (dove invece si vaccina anche con Moderna), il centro vaccinale del Policlinico di Tor Vergata (è possibile immunizzarsi anche con Pfizer e Moderna) e l'hub Eur in via quadrato della Concordia (dove si somministrano entrambi i vaccini ad mRna).


Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Febbraio 2022, 16:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA